Il ciclista forse investito da entrambe le macchine in gara: è sempre caccia ai pirati. Domani l'addio al 60enne di Controguerra

TERAMO – Mentre la comunità di Controguerra si appresta a dare l’ultimo addio al povero Carino "Tonino" Strozzieri, domani alle 15 nella chiesa parrocchiale, i carabinieri della compagnia di Alba Adriatica, diretta dal maggiore Emanuele Mazzotta sta stirngendo il cerchio attorno al balordo o ai balordi che ieri all’alba di sabato, hanno ucciso il 60enne invalido civile, centrandolo con le loro macchine durante una folla corsa in via Roma a Villa Rosa. Perchè l’ipotesi che rende ancor più agghiacciante la dinamica dell’omicidio stradale, è che a colpire l vittima siano state tutte e due le autovetture, proprio nel momento in cui il 60enne stava attraversando a piedi la strada, spingendo la sua inseparabile bicicletta. Dunque sarebbero due i pirati della strada a cui si dà la caccia, due i folli piloti che dovranno rispondere di omicidio stradale aggravato dalla fuga e omissione di soccorso. Gli esiti dei rilivi dei carabinieri del nucleo radiomobile di Alba e della stazione di Martinsicuro offrirebbero indicazioni in questo senso ma avrebbeo consegnato alle indagini anche elementi decisivi perchè entro le prossime ore si possa arrivae al’identificazione e all’arresto dei due pirati della strada: dal fanale e dal paraurti rinvenuti sul luogo della tragedia, è stato possibile, incrociando i dati con le testimonianze di chi ha visto, individuare i modelli delle due macchine e dunque restringere il campo della ricerca. I danni riportati dalle auto sono ingenti e non camuffabili, e qundi esse ‘scottano’: o sono state ben nascoste in garage o casolari abbandonati o in officine o carrozzeri compiacenti. Ripararle in tempi brevi, dunque, non è semplice. Nelle ultime ore è stato invece escluso che i pirati possano essere collegati all’arresto delle due persone in contrada Sentina di Porto d’Ascoli, che caricavano oltre due tonnellate di hashish su un furgone e che potesse trattarsi di qualche complice in fuga da una zona che dista pochi chilometri.

Leave a Comment