Operaio senegalese denuncia insulti razzisti nell'ufficio Asl, l'azienda apre un'indagine interna

ROSETO – In un’Italia che registra oltre 10 casi di razzismo in pochi giorni, tra pestaggi e insulti nei confronti, ne spunta uno anche nel Teramano che, se confermato, costituirebbe un episodio gravissimo in un ufficio pubblico. Perchè Ibrahima Diop, senegalese di 39 anni, dal 2000 residente a Roseto, dove si è sposato con un’italiana da cui ha avuto un figlio oggi 16enne, si è rivolto agli uffici territoriali della Asl di Teramo, a Giulianova, per chiedere il rinnovo del libretto sanitario e sarebbe stato insultato da un dipendente che gli avrebbe detto la frase ‘qua non c’è il veterinario’, come poi l’extracomunitario ha denunciato ai Carabinieri.
La Asl di Teramo, su disposizione del direttore generale Roberto Fagnano, ha aperto un’inchiesta interna sulla vicenda. La Asl di Teramo, si è appreso, sta svolgendo tutti gli accertamenti ascoltando tutti i testimoni presenti in quel momento negli uffici di Giulianova, sia i dipendenti sia, sembra, alcuni utenti esterni che ora la stessa Asl sta cercando di rintracciare. L’ufficio territoriale di Giulianova dove si sono svolti i fatti denunciati dal 39enne senegalese, dipende dal distretto sanitario di Roseto, è ospitato nell’edificio ex ospizio Marino di Giulianova, il cui responsabile è Giandomenico Pinto. La Asl si è attivata dopo aver appreso della vicenda dalla stampa. La denuncia del senegalese è dello scorso venerdì.
"L’ho fatto anche per mio figlio. Non è giusto che va in giro e viene guardato così". Parla così Ibrahima Diop in un’intervista all’ANSA quando ricorda quei momenti: "Qua non c’è il veterinario, qua non è per animali, mi diceva il signore", dice Diop ripetendo le frasi che gli sono state rivolte. "Era venerdì scorso. Verso le 11,30 – racconta Diop – ero andato a cercare informazioni per rinnovare il libretto sanitario. Sono entrato non ho visto nessuno. Ho fatto il giro da dietro e ho trovato questo signore che apriva l’ufficio e ho detto: ‘Buongiorno scusi dove si fa il libretto sanitario qui o dall’altra parte?’ Mi ha preso a parole con aggressioni verbali. Gli ho detto: Come si permette di dire tutte queste parole? Allora sono andato dall’altra parte ma è venuto anche lui e ha cominciato a fare scene razziste".
"Ha detto – prosegue Diop – ‘qua non è il veterinario, qua non è per animali. Non c’è il veterinario qua, c’è il veterinario qua?’, ripeteva a un’altra persona. Allora sono andato via e sono andato a denunciare il fatto dai carabinieri. Quello – prosegue Diop – è un luogo pubblico e tutti sono tenuti a dare informazioni". Alla domanda se l’uomo fosse un dipendente il 39enne ha risposto che l’uomo che gli ha inveito contro "aveva le chiavi e apriva e chiudeva l’ufficio". "Voleva provocarmi a tutti i costi così pensava che io avrei reagito. Invece sono andato via e ho denunciato il fatto", riferisce il 39enne. "Non è giusto anche per mio figlio, è nato qua, la mamma è italiana, mio figlio è italiano", conclude Diop.

Leave a Comment