La Provincia si disfa di 62 chilometri di strade all'Anas ma 'prende' la 80 da Piano d'Accio a Mosciano

TERAMO – Firmato questa mattina a Pescara, nella sede del Demanio, il verbale di consegna che trasferisce all’Anas quasi 62 chilometri di strade provinciali, quelli della 553 (la cosiddetta Atri-Silvi) e della 259 (che attraversa la Vibrata). Contestualmente vengono declassati e consegnati alla Provincia, 12 chilometri della statale 80, dall’uscita di Teramo (Piano d’Accio) al bivio di Mosciano Sant’Angelo.
Soddisfazione a metà per il presidente della Provincia, Renzo Di Sabatinoche nel 2017, quando si è aperto il tavolo della trattativa con Regione e Anas aveva fatto una proposta più ampia: «Confidiamo che lo Stato prenda in carico almeno la 491 e la 365 che avevamo individuato come assolute priorità, si tratta di strade che attraversano più territori e rappresentano snodi di collegamento con viabilità statali. Diciamo che per noi è un punto di partenza che comunque, innegabilmente, rappresenta un vantaggio», ha dichiarato.
Le strade in questione, quelle che oggi sono state trasferite all’Anas e quelle che la Provincia vorrebbe trasferire in un futuro che auspica prossimo, sono tutte ex Anas: la 259 dalla statale 16 al confine ascolano; la 553 dalla statale 80 nel comune di Notaresco, attraversa la 150, arriva ad Atri e poi scende fino alla statale 16 a Silvi; la 491 attraversa i territori di Basciano, Castel Castagna, Colledara, Isola del Gran Sasso, Montorio, Tossicia; la 365 (che collega Basciano, Penna Sant’Andrea, Bisenti, Castiglione Messer Raimondo e Cermignano). 
A firmare la convenzione il presidente Di Sabatinola dirigente dei lavori pubblici, Daniela Cozzi, Antonio Marasco, nella qualità di responsabile dell’area compartimentale Abruzzo di Anas Spa e Vittorio Vannini, direttore dell’Agenzia del demanio direzione regionale Abruzzo e Molise. Presente anche il consigliere delegato alla viabilità, Mario Nugnes, che in questi mesi ha seguito insieme all’area tecnica le procedure amministrative per la riconsegna. «Oltre 60 chilometri a carico dello Stato, un vantaggio per tutti e in particolare per i cittadini, visto che si tratta di provinciali che hanno perso le caratteristiche di reti di collegamento locale – ha sottolineato Nugnes – prendiamo in carico un tratto di statale che di fatto è diventata, invece, una rete locale pianeggiante che attraversa centri abitati e che in ogni caso, con l’apertura della Teramo-mare ha visto una riduzione notevole di traffico».

Leave a Comment