Partorisce in macchina, 'guidata' al cellulare dall'operatore del 118

SANT’OMERO – SANT’OMERO – Tanta era la voglia di venire al mondo che non ha dato tempo alla mamma di arrivare in ospedale a Sant’Omero. E così il parto del bimbo è avvenuto a bordo dell’auto guidata dal papà che correva verso il nosocomio. Che tutto sia andato bene, che sia la puerpera che il piccolino godano di ottima salute, lo si deve anche alla freddezza e alla professionalità di chi, all’altro capo del telefono cellulare, nella sala operativa del 118 della Asl di Teramo, ha guidato i neo mamma e papà nelle giuste manovre per far nascere il loro figlio. E non è la prima volta che Giuseppe Marini, infermiere operatore di centrale d’emergenza 118, si trova a ‘guidare’ un lieto evento: era successo già nel marzo del 2013, ma allora era sul campo, faceva parte dell’equipaggio dell’ambulanza del 118 che a Bellante aveva caricato una paziente cinese 29enne da portare al Mazzini per partorire: anche in quel caso il piccolo aveva fretta e venne alla luce sullo ‘stradone’ in via Po, quasi sotto all’ospedale. E l’esperienza di quel parto – come lui stesso ha raccontato – lo ha aiutato nel fornire le giuste indicazioni al papà, che si trovava dalle parti di Colonnella e correva verso il ‘Val Vibrata’, decisamente agitato. Il bambino aveva già la testa fuori e l’operatore sentiva strillare la mamma: ha detto al padre di fermare la macchina e ha inviato intanto l’ambulanza sulla statale 259 per raggiungerli. Ha poi spiegato alla mamma, attraverso il marito, come fare e quando il bimbo è nato e non piangeva, ha saputo tenere calmi i genitori, fornendo indicazioni ben precise: «Mettilo a testa in giù e dagli qualche schiaffo – ha detto -», ma fin quando non ha sentito il vagito al telefono, non ha lasciato soli i genitori, raccomandando di essere deciso nel colpirlo e superando la titubanza del papà: il bimbo a un certo punto ha pianto e quando gli operatori dell’ambulanza sono arrivati, hanno trovato il piccolo sopra alla mamma e una famiglia commossa e contenta.

Leave a Comment