Atr, incontro in prefettura: qualche spiraglio per due stipendi, ma nessun passo in avanti

TERAMO – Nell’ambito della vertenza Atr questa mattina proprietà e sindacati si sono confrontati nel tavolo convocato in Prefettura, al quale hanno partecipato anche il sindaco di Colonnella, Leandro Pollastrelli, l’assessore regionale al lavoro, Piero Fioretti, il deputato Antonio Zennaro e il consigliere regionale, Dino Pepe. Sul tavolo il pagamento degli stipendi pregressi di luglio e dicembre. "Le posizioni dell’azienda sono rimaste pressoché le stesse – sottolinea Mirco D’Ignazio, della Fiom Cgil – in ogni caso nel corso dell’incontro si è impegnata a pagare entro il 15 febbraio lo stipendio di dicembre e un quarto dello stipendio di luglio ed entro il 20 febbraio lo stipendio di gennaio e un altro 25% dello stipendio".
I sindacati, dopo aver riferito l’esito dell’incontro ai lavoratori, che hanno messo in atto un presidio davanti alla Prefettura in concomitanza con la riunione, hanno convocato due assemblee per il 17 e il 20 febbraio, per monitorare il rispetto degli impegni assunti dall’azienda e nei prossimi giorni chiederanno la convocazione del tavolo in Regione per discutere della cassa integrazione straordinaria chiesta dall’azienda. Richiesta rispetto la quale i sindacati di categoria hanno ribadito anche questa mattina la totale contrarietà.
"Siamo disponibili a discutere di altri ammortizzatori sociali, ma non possiamo accettare la cassa integrazione come presentata dall’azienda – aggiunge Marco Boccanera, della Fim Cisl – si è parlato anche di un cambio di contratto ed anche su questo fronte diciamo no".

Leave a Comment