Eco-isole, via alla raccolta integrata nelle frazioni (11 siti) dal 4 maggio FOTO

TERAMO – Partirà il prossimo 4 maggio il nuovo sistema, sperimentale, di raccolta dei rifiuti nelle frazioni del capoluogo. In 11 siti, la Teramo Ambiente sperimenterà un sistema misto, che consisterà nel posizionamento i altrettante isole ecologiche dove i cittadini potranno conferire i rifiuti accedendovi con la tessera sanitaria, e il tradizionale ‘porta a porta’ con una frequenza più dilatata, ogni 7 giorni (per l’organico sempre).
E’ la seconda rivoluzione in materia di cultura dei rifiuti, come seganalto anche dall’assessore all’ambiente Martina Maranella. "E’ una fase di sperimentazione che ci vede particolarmente coinvolti – ha detto – e in cui abbiamo coinvolto la cittadinanza per spiegare le importanti innovazioni e dai quali speriamo di avere una grande collaborazione. Ci teniamo per alzare un pò l’asticella, dopo dieci anni di porta a porta vogliamo aumentare le precentuali di differenziazione". Per il sindaco Gianguido D’Alberto, "è occasione unica poter introdurre e valutare questo sistema integrato, per dare una svolta alla raccolta differenziata e permettere ai cittadini di non pagare più in futuro il caro prezzo di gestioni politiche passate deleterie". 
La Teramo Ambiente ha acquistato 11 eco isole e ne sono disponibili altre 6 (che saranno messe a disposizione per le utenze non domestiche del centro), perchè l’obiettivo è introdurre il sistema anche nel centro storico, probabilmente dal mese di gennaio. Questo sistema integrato, che scatterà, lo ricordiamo, dal 4 maggio, interessa circa oltre 6mila utenze sulle 24mila complessive, più di un quarto delle utenze interessate sul territorio e con l’introduzione della tariffa puntuale si arriverà al principio europeo del ‘chi più inquina paga’.
Come illustrato dall’amministratore delegato della TeAm, Enrico Prandin e la responsabile della comunicazione, Rita Di Ferdinando, i cittadini saranno convocati presso gli uffici TeAm.
Questi presentandosi con la lettera che hanno ricevuto a casa, riceveranno il kti di partenza, composto dal mastello per il sottolavello e per l’organico (marrone) e quello della carta che da oggi è uniformata alla normativa europea ed è di colore blu, le buste per l’organico e la plastica. Un adesivo per il vetro verrà apposto sul contenitore grigio per conferire bottiglie e altro. La sperimentazione viene fatta sl nuovo mastello da 35 litri, di colore grigio, che sarà associato all’utente attraverso un ‘bar code’ riportato nella lettera: con un palmare il personale dell’ufficio Tia-Tari associerà mastello al cittadino-nucleo famigliare. La TeAm raccomanda di far trovare sempre il mastello pieno, perchè l’operatore ogni volta verificherà il conferimento. Un altro strumento che verrà consegnato ai cittadini che ne avranno necessità, è una nuova busta per i pannolini e i pannoloni. Anch’essa verrà associata al codice utente, perchè questo conferimento non va nell’isola ecologica e avrà il tag che ricondurrà all’utenza che l’ha conferito. Con il materiale verrà consegnato anche il calendario che sarà aggiornato.
Ecco l’elenco delle frazioni:
Zona A – zona_a_utenze_modalita_raccolta_ecoisole_consigliate_24_02_20
Zona B – zona_b_utenze_modalita_raccolta_ecoisole_consigliate_24_02_20

Leave a Comment