Fase 2, mascherine obbligatorie anche all'aperto e mercato stravolto dalle distanze

TERAMO – Tutte le persone presenti sul territorio abruzzese, almeno per le prossime due settimane, dovranno indossare SEMPRE la mascherina, anche negli spazi aperti, laddove non è possibile mantenere le distanze sociali. L’obbligo della mascherina, introdotto dal Governo Conte per la Fase 2 che scatta domani lunedì 4 maggio, è stato ribadito dal governatore Marco Marsilio nell’ordinanza numero 54, appena firmata, che disciplina anche il rientro degli abruzzesi da fuori regione, lo svolgimento dei mercati e l’ingresso nei negozi aperti uno alla volta.

 

MERCATI. Come sarà il mercato del sabato durante la Fase 2 a Teramo? A stabilirlo è la nuova ordinanza, che per prevenire il contagio fissa dei criteri che stravolgeranno il mercato così come i teramani sono abituati a conoscerlo. Tutti gli addetti del mercato dovranno indossare guanti e mascherine. L’area del mercato dovrà essere delimitata dal Comune. Per ogni bancarella, la cui piazzola andrà delimitata, potranno esserci massimo due addetti alla vendita e al massimo due clienti. Ogni Comune dovrà nominare un responsabile che si occupi di far ruspettare le regole, coordinandosi con il personale della protezione civile. Il mercato sarà delimitato e transennato e avrà due soli varchi, uno all’ingresso ed uno all’uscita. Per Teramo, dove il mercato si svolge lungo il corso, sarà un’impresa anche solo controllare tutte le viuzze laterali, ma si potrà camminare in una sola direzione dall’ingresso verso l’uscita. Tra i clienti doivrà esserci almeno un metro di distanza ed evitare ogni assembramento. Tra una bancarella e l’altra devono esserci almeno due metri e mezzo di distanza. I Comuni hanno la facoltà di modificare, spostare e riorganizzare le bancarelle per potenziare le norme anti contagio, con ulteriori comunicazioni e dispositivi di sicurezza (esempio i dispenser di gel igienizzante). Infine possono riaprire anche i mercati coperti, con le regole di cui sopra e la sorveglianza pubblica.

 

RIENTRO ABRUZZESI. La Regione Abruzzo ha disposto che chiunque rientri in Abruzzo, da domani dovrà comunicare la sua presenza alle autorità tramite il portale della Regione, all’indirizzo https://www.regione.abruzzo.it/content/come-segnalare-il-proprio-ingresso-abruzzo o al numero verde regionale 800 595 459 o al proprio medico di base per la presa in carico da parte della Asl. Fino al 18 maggio chi entra in Abruzzo dovrà costantemente monitorare la sua temperatura corporea per comunicarla al servizio preposto della Asl e avrà l’obbligo di guanti e mascherina, anche all’aperto (tranne che per i bambini d’età fino a 6 anni e per i disabili).

Leave a Comment