VIDEO ESCLUSIVO / Salvato dagli agenti il 27enne in bilico dal viadotto di Cerrano

E’ stato attaccato al di là della balaustra per oltre tre ore a colloquio con uno psicologo e i poliziotti: un gesto repentino degli agenti lo ha salvato dal vuoto

PINETO – Autostrada chiusa sul tratto Pescara-Ancona dell’A14, in direzione nord, al chilometro 364, all’altezza del viadotto del Cerrano, come annuncia sul suo sito Autostrade per l’Italia, perchè c’è un giovane che vuole lanciarsi nel vuoto.

Al momento il traffico è bloccato e sul posto ci sono le forze dell’ordine (Polizia autostradale, personale del 118, operatori di Aspi) che stanno dialogando con lui nel tentativo di impedire il gesto.

AGGIORNAMENTO (ore 12:15) Si è appreso che il giovane ha 27 anni ed è di Pianella (Pescara) e soffrirebbe di disturbi psichici. E’ ancora in piedi sulla balaustra del viadotto alto una novantina di metri, e si regge al guard rail sotto il sole cocente (la temperatura supera i 35 gradi). Accanto a lui, a una distanza che permetta di afferrarlo ma che non rischi di metterlo ancor più in agitazione, ci sono uno psicologo e gli agenti della Polizia autostradale, che stanno dialogando con lui cercando di convincerlo e farsi aiutare a togliersi da quella pericolosissima posizione.

Al di sotto del viadotto ci sono anche i vigili del fuoco dei comandi di Teramo e di Pescara che hanno montato due teli gonfiabili, particolari cuscini riempiti di aria per attutire le cadute usato per le evacuazioni degli edifici e anche in questi casi. Purtroppo però questi gonfiabili sono studiati per cadute da altezze massime di circa 20 metri.

SALVATO DAGLI AGENTI. All’improvviso, con un gesto improvviso e repentino, gli agenti della Polizia hanno deciso di afferrarlo: erano all’incirca le 13 quando il 27enne di Pianella, nonostante cercasse di divincolarsi dalla presa puntando anche i piedi contro il parapetto, è stato bloccato e tratto in salvo. Le drammatiche e concitate immagini girate da sotto il viadotto da un lettore di emmelle.it

GUARDA IL VIDEO

Leave a Comment