Sfuma il mondiale di ciclismo per la Val Vibrata: la corsa iridata si svolgerà a Imola

L’Uci si è fatta ‘convincere’ dalla struttura che la ospiterà: l’autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’

TERAMO – Sfuma la possibilità di ospitare i mondiali di ciclismo, nel prossimo fine mese, in Val Vibrata e ad Alba Adriatica. LUnione del ciclismo internazionale (Uci) ha infatti affidato l’organizzazione della rassegna iridata a Imola e all’Emilia Romagna e il teatro della corsa mondiale sarà l’autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’ imolese.

Imola dunque batte la concorrenza anche di Varese, dopo che la Federazione internazionale di ciclismo aveva dovuto rinunciare alla località designata, la svizzera Aigle Martigny , ma anche della francese La Planche des Belles Filles, località resa famosa proprio dal ciclismo per via di alcuni recenti arrivi di tappa al Tour.

Imola però ha messo sul piatto una infrastruttura notevole, l’autodromo ‘Enzo e Dino Ferrari’ che dal punto di vista della logistica non ha eguali. Fa un po’ scalpore che un tempio del motore possa essere cruciale nell’assegnazione della più importante gara ciclistica in linea, ma ormai queste manifestazioni necessitano di spazi e caratteristiche da grande evento (e per quello l’ippodromo delle Bettole fu notevole, a Varese 2008).

A sostenere la candidatura di Imola anche il commissario tecnico dell’Italia, l’ex professionista Davide Cassani, che non solo è originario di quelle parti (è nato a Faenza) ma è anche il presidente dell’APT della Regione Emilia Romagna. A livello di percorso, sarà probabilmente la salita dei Tre Monti – che prende il via nei pressi dell’ingresso dell’autodromo – l’asperità scelta per ondulare il tracciato. Probabilmente però la gara non avrà la durezza prevista a Aigle che invece sarebbe stata ripetuta a Varese. Appuntamento tra il 20 e il 27 settembre, per un Mondiale che all’Italia mancava in sede organizzativa da Toscana 2013. Per la vittoria nella gara dei professionisti invece, gli azzurri mancano dall’albo d’oro proprio dal 2008 di Varese e di Ale Ballan.

Leave a Comment