Domani niente mercato, ma la porchetta perchè?

La decisione del sindaco di sospendere ha colpito anche il settore enogastronomico, diversamente da prima TERAMO – La cortese protesta arriva via social ed è giustificata da un’ordinanza improvvisa e diversa dalle precedenti che nel primo lockdown avevano ‘salvato’ dalla chiusura le attività enogastronomiche, secondo un senso di giustizia ‘riparatore’ rispetto al permesso di apertura di negozi e supermercati: e invece stavolta, piazza Verdi non sarà animata e ‘profumata’ come tutti i sabato, dai mezzi dei maestri porchettai. Perchè no? Se lo chiedono in molti leggendo i messaggi con cui…

Continua a leggere

Covid torna in salita: 683 in Abruzzo. E per il Teramano 222 da record

Nel bollettino odierno ci sono anche 15 morti e 5 pazienti in più in intensiva TERAMO – Quello di oggi è il secondo dato più alto di nuovi positivi di questa seconda ondata: 683 è infatti minore soltanto ai 746 nuovi contagi dello scorso 10 novembre, in Abruzzo. E anche il Teramano conta una cifra assoluta: 222 persone hanno tampone positivo al virus nelle ultime 24 ore. I positivi relativi a tracciamenti di focolai già noti sono 486, gli under 19 nel Teramano hanno ancora un ruolo da protagonisti: non…

Continua a leggere

I baristi dell’asporto, ecco come sfidano la zona arancione

In tanti hanno deciso di chiudere per gli alti costi di gestione TERAMO – Restare aperti solo per l’asporto non conviene, le spese sono maggiori dei ricavi, ma in tempi di Covid serve anche questo, soprattutto per chi, come alcuni panifici storici, non vuole deludere la clientela. Un giro tra i caffè e pasticcerie ancora aperte ma solo per l’asporto, rivela un disagio di tutti i titolari o gestori delle attività, perché c’è un esborso di spese fin troppo oneroso tra personale, utenze e servizio. Molti altri proprio per questi…

Continua a leggere