Dieci sanzioni al giorno per violazioni alle regole Covid

In una settimana i controlli sono stati oltre 3.000 tra persone e locali. Colpiti di più gli assembramenti, poi l’uso della mascherina

TERAMO – E’ di quasi 10 persone al giorno sanzionate il bilancio dei controlli eseguiti sul territorio provinciale nella settimana dall’11 al 17 gennaio, nell’ambito dei servizi coordinati sul territorio pianificati dal tavolo di coordinamento della sicurezza presieduto dal prefetto Angelo De Prisco.

Sono state infatti 68 le sanzioni irrogate, su 2.856 persone controllate. Di queste, 33 sono state comminate per aver violato il divieto di assembramento, 10 per mancato uso della mascherina, 25 per spostamenti non motivati.

Sul fronte delle attività cui era imposta la limitazione alla vendita e all’apertura, sono stati 502 gli esercizi commerciali controllati, con 4 sanzioni ad altrettanti titolari e la chiusura provvisoria per 4 attività.

 “E’ questo il momento della massima responsabilità per tutti noi cittadini – ha dichiarato il prefetto Angelo de Prisco -. I dati epidemiologici, che per la provincia di Teramo sembrano indicare una cauta favorevole inversione di tendenza rispetto ai mesi scorsi, ci impongono una convinta adesione verso le limitazioni che, non sfugge a nessuno, provocano disagio alle attività produttive e alla socialità. Ma questa è la fase decisiva, delicata e complessa per il concomitante ritorno a scuola di gran parte degli studenti e per l’avvio del piano vaccinale”.

Un calo di attenzione da parte dei cittadini e delle istituzioni rischierebbe di vanificare tutti gli sforzi fatti finora, e questo non possiamo consentircelo. Il rispetto delle misure di protezione suggerite dalle autorità sanitarie è l’unica strada per poter superare una emergenza planetaria senza precedenti”. 


Leave a Comment