Il Teramo torna alla vittoria sulla Turris (2-1) dopo la settimana complicata

Senza il presidente in tribuna, segna Costa Ferreira, replicano gli ospiti, Bombagi risolve a 3′ dalla fine

TERAMO – Dopo tre sconfitte consecutive il Teramo torna alla vittoria, che mancava dal match contro la Paganese e batte la Turris con una rete a tre minuti dalla fine della partita dopo il momentaneo pareggio degli ospiti in risposta alla rete di Costa Ferreira.

I tre punti arrivano al termine di una partita non bellissima che diversamente da altre volte il Teramo ha gestito poco, maggiormente nella ripresa, dopo una settimana che ha lasciato tensioni (forse quelle giuste) dinanzi a una avversario che ha fatto possesso palla ma senza impensierire più di tanto il Teramo. E anzi, il pareggio, è parso casuale e per certi versi anche fortunoso.

E’ successo tutto nella ripresa. A sbloccare la partita ci ha pensato con il sesto sigillo personale Pedro Costa Ferreira, al 56′, pescato da Bombagi: il portoghese si fa perdonare il ‘rigore in movimento’ sbagliato nel primo tempo (quando era stato messo al tiro da un ottima iniziativa sulla destra di Di Francesco, novità dal primo minuto assieme a Lasik) e infila alla perfezione Abagnale incrociando sul palo più lontano.

Sono i cambi operati dai due allenatori che daranno una svolta alla partita. Prima per la Turris, che riesce a rimettere la partita sul binario di parità al 76′, sull’asse Ferretti-Alma, i due nuovi entrati: il primo, indisturbato sulla fascia, mette al centro in area dove il secondo si fionda eludendo l’intervento di Diakitè e insaccando dietro a Lewandowski. I fantasmi di un altro pareggio cominciano a concretizzarsi nel Bonolis sotto alla pioggia, a tratti insistente.

E’ Birligea (entrato al posto di Di Francesco, così come Kyeremateng per Pinzauti e Mungo per Costa Ferreira) a trovare il traversone risolutivo, a 3′ dalla fine regolamentare, ‘pennellando’ un traversone su cui Bombagi non si fa ripetere due volte di andare a incocciare, anticipando difensore e portiere. E’ il 2-1 che riporta alla vittoria i biancorossi al termine di una settimana complicata, sul quale il presidente Franco Iachini non ha potuto esultare in ‘diretta’ allo stadio: come anticipato in settimana, infatti, non era al campo dopo la delusione di Vibo Valentia.

Raggiunto al telefono, il patron biancorosso si è detto “contento della vittoria sulla Turris“, aggiungendo però che “una rondine non fa primavera“. Nel prossimo turno il Teramo sarà impegnato a Cava dei Tirreni.

Leave a Comment