“Ricostruzione scuole, dalla Provincia immobilismo totale”

Caso Ipsia: l’attacco al presidente Di Bonaventura dai consiglieri della ‘Casa dei Comuni’

TERAMO – “E’ comprensibile lo stato di nervosismo del Presidente della Provincia, che ricorre all’uso dell’arroganza e delle grida per nascondere tutta la debolezza e l’immobilismo di tre anni di mandato” hanno dichiarato, nel corso della conferenza stampa tenutasi stamani, i consiglieri provinciali del gruppo ‘La Casa dei Comuni’, il capogruppo Mauro Scarpantonio, Graziano Ciapanna, Graziella Cordone e Luca Lattanzi.

Ci ha onorato citando la sua opposizione consiliare, che ha sempre cercato di ricordare al Presidente Diego Di Bonaventura che l’Ente Provincia si amministra anche attraverso la giusta programmazione e la verifica dello stato di attuazione dei suddetti progetti.

“Ricordiamo sempre a tutti che negli obbiettivi del Presidente presentati al Consiglio Provinciale del 18 aprile 2019, ad esempio, non era stato previsto nessun intervento sull’edilizia scolastica. E così è successo: nessun cantiere legato alla ricostruzione, adeguamento sismico-funzionale sulle scuole oggi è in cantiere, o meglio, è in una fase avanzata che potrebbe far presagire all’apertura di un cantiere a breve. Sull’IPSIA ‘Marino’ abbiamo uno ‘zero’ sugli atti amministrativi prodotti fino ad oggi, come uno zero lo abbiamo anche sul Liceo Scientifico ‘Einstein’, invece sul
Liceo Artistico ‘Montauti’ siamo solo alla gara per la progettazione
“, proseguono i consiglieri provinciali del gruppo ‘La Casa dei Comuni’.

Sull’adeguamento/miglioramento sismico dell’edificio sede del Liceo Classico e del convitto nazionale ‘M. Delfico’ sito in piazza dante a Teramo la determina di affidamento alla ditta Nicoli’ s.p.a. è del 20 novembre 2019, la direzione lavori e’ stata incaricata solo il 9 gennaio 2021, ma ad oggi dopo circa due anni dall’affidamento, i lavori stessi non sono stati consegnati. Sui lavori alla Prefettura legati ai fondi Sisma, dopo lo zero assoluto di attivita’ prodotta dalla Provincia, con l’ordinanza speciale n. 22 del 13 agosto 2021 a firma del Commissario Legnini, la Provincia ha riconosciuto i propri limiti chiedendo la modifica del soggetto attuatore che adesso è dell’Ufficio speciale per la ricostruzione Abruzzo“.

Questi sono solo alcuni esempi, ma li potremmo continuare parlando dell’Istituto Tecnico Commerciale Programmatori ‘B. Pascal’, dell’Istituto Tecnico Commerciale ‘V. Comi’, del Centro
Polifunzionale ‘Casa del Mutilato’ di piazza Dante, dell’edificio già sede dell’Ufficio Provinciale Scolastico e della Polizia Provinciale
“.

Giusta programmazione è anche quella di calibrare le risorse alle effettive esigenza anche attraverso una stima sommaria, invece abbiamo l’impressione che le risorse assegnate con il Decreto Ministero Istruzione n. 62 del 10/3/2021 per interventi di messa in sicurezza di edifici
scolastici per 4,3 milioni di euro, sono state suddivise su 16 edifici scolastici con il motto ‘non facciamo un torto a nessuno’, sempre solo per fare un esempio è presente sul 2021 l’Ipsia ‘Marino’ per 250.000 euro già oggetto di un altro finanziamento, oppure il ‘Montauti’ per 100.000 euro in cui con i fondi sisma si prevede la demolizione e ricostruzione
– concludono Scarpantonio, Ciapanna, Cordone e Lattanzi -“. 

Leave a Comment