Controlli nei centri estetici e benessere, segnalazioni dei Nas

I carabinieri svolgono verifiche anche nel Teramano: sotto la lente anche le attrezzature per i tatuaggi

TERAMO – Sette sanzioni per mancanza di Green pass sul luogo di lavoro: cinque, da 600 euro, nei confronti di dipendenti e due, di 400 euro, nei confronti dei
rispettivi datori di lavoro per omesso controllo. Le hanno elevate i Carabinieri del Nas di Pescara, che hanno ispezionato 24 attività abruzzesi tra centri estetici e centri benessere e massaggi. Le violazioni, oltre alle inadempienze nell’adozione di misure di contenimento per la diffusione del contagio di Covid19, riguardano anche la normativa sul divieto di fumo.

I militari per la tutela della salute, inoltre, hanno segnalato due centri estetici in provincia di Teramo, uno dei quali attrezzato per l’esecuzione di tatuaggi, risultati privi di autorizzazione. Verifiche in corso anche nei confronti di altri due centri benessere e massaggi orientali, uno in provincia di Pescara, l’altro nel Chietino, le cui condizioni igienico sanitarie sono apparse carenti.

L’attività dei Nas ha riguardato la regolarità dei titoli abilitanti degli estetisti, le condizioni igienico sanitarie e strutturali dei locali, la provenienza dei prodotti cosmetici e la tipologia di trattamenti benessere-massaggi effettuati. Le ispezioni rientrano nell’ambito dei controllo che in tutta Italia i Carabinieri per la tutela della salute, d’intesa con il Ministero della Salute, hanno condotto nei centri massaggio ed estetici, con finalità di verifica circa la corretta erogazione dei servizi e l’osservanza delle misure di contenimento anti-Covid.

Leave a Comment