VIDEO/ Ponte a catene, letto del fiume pieno di tronchi. Presto una viabilità alternativa

La piena di ieri dovuta all’ostruzione. Cavallari: “Affidata ai progettisti l’idea di un nuovo attraversamento”

TERAMO – La zona di Carapollo-Ponte a Catene avrà in futuro una nuova viabilità. La piena del fiume Tordino dovuta alle abbondanti piogge di ieri, ha imposto un’accelerazione alla progettualità viaria che l’amministrazione comunale ha messo in campo per individuare alternative più sicure e comode alla struttura di via de Albentiis e ancor di più del ‘guado’ di Carapollo stesso. Lo ha annunciato il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Giovanni Cavallari, che questa mattina ha verificato di persona la diminuita portata del fiume che ieri sera aveva allarmato, costringendo l’organizzazione comunale di Protezione Civile a mettere sotto monitoraggio la struttura viaria.

In realtà il ponte soffriva la magior portata d’acqua perchè al di sotto c’era una evidente e quasi insormontabile ostruzione, costruita dai tronchi d’albero trascinati a valle dal fiume. Alberi e detriti che questa mattina poi sono stati rimossi. Il progetto di una viabilità alternativa, che dovrebbe essere realizzata nei pressi del deposito di stoccaggio dell’ex Abruzzi Gas, permetterebbe di organizzare una sorta di ‘circolare’ a servizio della zona e a prova di danni atmosferici. Il progetto, affidato a dei tecnici teramani, dovrebbe essere reso noto nei prossimi giorni.

Guarda il servizio andato in onda al Tg di R115

Leave a Comment