D’Alberto impone a Teramo l’obbligo della mascherina all’aperto in centro storico fino alla fine dell’anno

Il provvedimento vale nel pomeriggio dei giorni feriali e per l’intero giorno di festivi e prefestivi. Ecco dove

TERAMO – Dopo l’ordinanza con cui il sindaco di Colonnella, Biagio Massi, ha chiuso la scuola e istituito una sorta di coprifuoco con obbligo di chiusura dei locali pubblici alle 20, Gianguido D’Alberto oggi ha imposto con ordinanza l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto.

La decisione è anche figlia della recrudescenza dei casi positivi nel Teramano, che ieri ha toccato un nuovo record dopo quello fatto segnare esattamente 13 mesi fa: ieri erano stati 238, il 10 novembre erano 283. L’obbligo scatta da questa sera a mezzanotte e fino alla fine dell’anno (alle 24 del 31 dicembre), nella fascia oraria compresa tra le 16 e mezzanotte nei giorni feriali e dalle 8 alle 2 (del giorno successivo) nei festivi e prefestivi.

Il provvedimento vige soltanto nel centro storico, ovvero tra piazza Garibaldi, viale Mazzini, Circonvallazione Spalato, Piazza caduti della Libertà, via Porta Reale e Circonvallazione Ragusa: dunque nell’area all’interno della cinta delle cosiddette ‘mura’.

“I competenti organi di vigilanza effettueranno i relativi controlli – si legge nell’ordinanza -; l’inosservanza dell’obbligo dell’uso delle mascherine comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da 400 a 3.000 euro.

“La disposizione – ha spiegato il primo cittadino – è stata assunta in considerazione delle disposizioni in materia di contenimento del rischio di diffusione del Coronavirus e visto lo stato attuale che registra un indice di diffusione dello stesso in aumento a livello regionale, nazionale e locale. Inoltre l’Ordinanza fa seguito alla riunione del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica del 1° dicembre scorso durante la quale il Prefetto di Teramo ha sensibilizzato i Sindaci della provincia a prestare particolare attenzione all’obbligo di uso dei dispositivi di protezione individuale anche all’aria aperta nelle zone soggette ad affollamento. Non va dimenticato che in occasione delle prossime festività natalizie, come da tradizione, si registrerà nel centro storico cittadino, una intensa affluenza rispetto alla situazione di normalità”.

Leave a Comment