Illustrato a sindaci e sindacati il nuovo ospedale da 501 posti a Teramo

Nel corso del Comitato la direzione strategica della Asl ha indicato i contenuti dello studio di fattibilità di un hub di II livello con percorsi di emergenza separati dalla clinica ordinaria

TERAMO –  Il comitato ristretto dei sindaci, convocato dal presidente Gianguido D’Alberto, si è riunito per confrontarsi con la direzione strategica della Asl sullo studio di fattibilità del nuovo ospedale e sul tema delle liste di attesa. La riunione è stata allargata anche al presidente della Provincia e ai sindacati.

I tecnici della Asl hanno illustrato a grandi linee il contenuto dello studio, che prevede la realizzazione di un moderno ospedale da 501 posti letto in linea con il Decreto ministeriale 70, messo in rete con gli altri tre ospedali spoke di Giulianova, Atri e Sant’Omero. Uno studio corposo, che prende in considerazione diversi parametri, gli stessi usati per simili iter per la costruzione di molti altri ospedali in tutta Italia.

E’ stata anche illustrata la possibile configurazione del nuovo ospedale, pensato per essere un hub di secondo livello, che prevede percorsi di cura che mettano il paziente al centro, con la contiguità di più reparti dello stesso livello assistenziale. In pratica vengono, fra l’altro, creati percorsi dedicati all’emergenza e urgenza veloci e senza commistioni con l’attività clinica ordinaria. Inoltre l’umanizzazione degli spazi e dei percorsi di cura sarà uno dei punti cardine del nuovo ospedale, insieme alla sicurezza dei pazienti e degli operatori sanitari. Sarà una struttura flessibile che prevede spazi e percorsi in caso di pandemia o di maxi emergenze.

One Thought to “Illustrato a sindaci e sindacati il nuovo ospedale da 501 posti a Teramo”

  1. Amen

    Perdita di tempo e di denaro la costruzione di un nuovo ospedale. Un vero sfregio a questa città. I soldi vanno usati per migliorare l’esistente, non per sfasciarlo.

Rispondi a Amen Annulla risposta