FOTO/ Commemorazione per il carabiniere eroe che sacrificò la vita per salvare un folgorato

L’appuntato teramano Antonio Fazzini, 54 anni anni fa, rimase vittima a Maltignano: fu decorato con la medaglia d’oro al Valor Civile. Oggi a San Nicolò il ricordo con il sindaco e il comandante provinciale deil’Arma TERAMO – Commemorazione, questa mattina al cimitero di San Nicolò, della medaglia al valor civile Antonio Fazzini, appuntato dei carabinieri teramano che nel 1968, all’età di 42 anni, quando era padre di due figlie di 4 e 10 anni, sacrificò la sua vita nel tentativo di salvare quella di un ingegnere dell’Enel che, nella centrale…

Continua a leggere

Abruzzo prima in Italia per incidenza settimanale dei casi Covid

La situazione peggiore è nel Chietino, con 1.206 e poi c’è il Teramano con 1.105. Il numero dei contagi fa registrare un +8% nell’ultima settimana TERAMO – Alla luce dei dati odierni, l’incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti, in Abruzzo, sale a 1.100: si tratta del dato più alto in Italia. I numeri peggiori sono quelli della provincia di Chieti, che haun’incidenza pari a 1.206. Il Chietino, tra l’altro, con l’incremento odierno, è l’unica provincia abruzzese a superare i 100mila casi complessivi. Seguono, per quanto riguarda l’incidenza settimanale, il…

Continua a leggere

FOTOGALLERY E VIDEO/ La Fiera sul lungofiume parte tra pioggia e sole e qualche polemica

Operai al lavoro per rafforzare i sentieri contro il fango. Furgoni e le esposizioni di auto-sponsor attirano critiche. E il proprietario del parcheggio del Lidl transenna i posti-auto TERAMO – La copiosa piovuta notturna ha fatto tremare i polsi agli organizzatori della 31esima edizione della Fiera dell’agricoltura nella nuova versione sul lungofiume, ma poi il sole è arrivato a riscaldare animi e speranze di una sfida da vincere, permettendo il taglio del nastro, prima di finire di nuovo sotto una pioggia torrenziale.E dire che gli operai comunali si sono spesi…

Continua a leggere

Finori non si presenta dal notaio, Gst al bivio: ipotesi Persia o nuova gara

Prati di Tivo: il gestore stamattina doveva firmare l’atto di acquisto degli impianti. Martedì l’assemblea dei soci cambierà strategia? TERAMO – Quello che poteva e doveva essere un banco di prova per capire le vere intenzioni nell’investimento sui Prati di Tivo di chi fino ad oggi ha tenuto aperti a tozzi e bocconi gli impianti della stazione turistica teramana, si è rivelato pietra tombale per il rapporto tra la Gran Sasso Teramano e la ditta Marco Finori. All’appuntamento fissato dal commissario liquidatore Gabriele Di Natale, questa mattina ad Alba Adriatica,…

Continua a leggere