Blitz dei Nas in ristoranti etnici, sanzioni per 6.000 euro

Nel teramano in un locale sono stati sequestrati 30 chili di prodotti a base di carne senza tracciabilità

TERAMO – Ispezione dei Nas dei carabinieri di Pescara in due ristoranti asiatici del capoluogo adriatico e del teramano.
Una chiusura immediata e circa 3 quintali di alimenti sequestrati e distrutti. La presenza diffusa di sporcizia e le precarie condizioni igieniche dei locali hanno fatto scattare il provvedimento di sospensione immediata, adottato con la collaborazione della Asl per il ristorante di Pescara.

All’accesso nella cucina i Nas sorprendevano il personale intento a preparare sushi e nigiri su piani di lavoro improvvisati e a contatto diretto col contenitore dei rifiuti. Una condizione molto grave che ha imposto l’adozione di un provvedimento di sospensione dell’autorità competente, oltre all’avvio a distruzione di più di circa 250 kg di alimenti e preparati a base di pesce, con il blocco sanitario di due frigoriferi contenente alimenti peraltro non tracciati e congelati irregolarmente.

A Teramo un ristoratore etnico è stato sanzionato per alimenti privi di tracciabilità, 30 kg di preparati a base di carne sono stati sequestrati per la distruzione. Elevate, complessivamente, sanzioni per 6.000 euro I controlli dei Carabinieri per la Tutela della Salute, avviati in questi giorni nel settore della ristorazione etnica, sono finalizzati a prevenire tossinfezioni alimentari che, specie dal consumo di alimenti allo stato crudo, posso rivelarsi molto pericolose.

Leave a Comment