VIDEO/ Festa dell’Arma. L’abbraccio al carabiniere Gabriele, che ha ritirato il premio per il papà Roberto

Gli encomi ai militari: tra loro l’amato luogotenente Brucoli, scomparso ad ottobre. Farinaro, che guida Martinsicuro, tra i migliori comandanti di stazione in italia

TERAMO – Eccoli i servitori dello Stato che hanno meritato un premio per essere stati al posto giusto nel momento giusto. Chi salvando vite umane, chi interrompendo il traffico di morte, chi lavorando sodo notte e giorno per scoprire chi metteva a repentaglio la sicurezza altrui. E tra loro c’è chi non c’è più, venuto a mancare perchè sconfitti dalla malattia, ma che nella loro vita hanno seminato valori e rispetto, tanto da affidare al servizio dello Stato un proprio figlio, orgoglioso di seguire le orme del papà carabiniere.

L’applauso che ha accompagnato la consegna al carabinieri Gabriele Brucoli dell’onorificenza alla memoria riconosciuta al papa Roberto, luogotenente carica speciale tanto amato dalla gente e venuto a mancare lo scorso ottobre, ha significato il vero abbraccio con cui le autorità, i sindaci e i colleghi hanno stretto tutta l’Arma dei Carabinieri. E’ stato il momento più toccante di una cerimonia che ha visto come di consueto, la consegna degli encomi ai militari il cui esempio rende orgogliosa l’intera Forza Armata.

Per uno di loro, in particolare, l’esempio di buon servizio allo Stato ha varcato i confini nazionali: a Napoli e Roma sono stati infatti insigniti quei Comandanti di Stazione che si sono particolarmente distinti per la meritoria attività svolta nel servizio d’istituto. Uno di questi è il Luogotenente Carica Speciale Francesco Farinaro, Comandante della Stazione di Martinsicuro, che avendo sempre operato brillantemente in un territorio particolarmente difficile, quest’anno potrà essere considerato anche ufficialmente un esempio per tutti coloro che rivestono la carica tanto delicata, quanto pregna di responsabilità, di Comandante di Stazione.

Ecco la lista completa degli encomi consegnati oggi:
Encomio semplice del Comandante Interregionale Carabinieri ‘Ogaden’, conferito all’Appuntato Anido Giorgio CHIONCHIO, ora addetto all’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Giulianova, allora addetto alla Stazione di Amatrice, il quale, nell’agosto del 2016, in occasione del terremoto in quelle zone, libero dal servizio, si era adoperato nei soccorsi, fornendo un determinante contributo per estrarre vivi tre giovani fratelli dalla macerie della loro abitazione, nonché ad individuare e recuperare i corpi di numerose vittime. Ad Amatrice il 24 agosto 2016.

Encomio semplice del Comandante dei Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente, conferito al Tenente Colonnello Luigi VAGLIO, Comandante della Compagnia Carabinieri di Teramo, allora Maggiore, Comandante del Nucleo Operativo Ecologico di Potenza, per aver diretto e coordinato una complessa attività che aveva permesso di scoprire lo sversamento di greggio nelle falde sotterranee con relativa compromissione delle matrici ambientali di circa 26mila metri quadrati di sottosuolo, individuandone la provenienza dall’impianto petrolifero Cova Eni di Viggiano di Potenza. L’indagine permise l’arresto di amministratori, 4 provvedimenti di sospensione dai pubblici uffici e 13 denunce per i reati di disastro ed inquinamento ambientale e reati contro la pubblica amministrazione. A Potenza tra il febbraio 2017 e il maggio 2019.

Encomio Semplice collettivo concesso dal Comandante della Legione Carabinieri ‘Abruzzo e Molise’ alla Stazione di Notaresco, composta dal Maresciallo Ordinario Mario DI FILIPPANTONIO, Maresciallo Ordinario Alfredo FIDELIBUS, dal Brigadiere Gianfranco CASALUCE, e dagli Appuntati Maurizio DI NICOLANTONIO, Fabio D’ANGELO e Dimitri DI MARCO, per aver sgominato un gruppo di pregiudicati dediti allo spaccio di ingenti quantitativi di eroina, cocaina, hashish e marijuana e per aver denunciato 14 persone responsabili di reato in materia di stupefacenti, arrestato 7 di loro e sequestrato 3,6 chili di sostanze stupefacenti. A Notaresco tra il febbraio 2020 e il marzo 2021. La ricompensa è stata ritirata dal Vice Brigadiere Gianfranco CASALUCE.

Encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri ‘Abruzzo e Molise’, conferito ai Luogotenenti Carica Speciale Paolo GENTILE e Roberto BRUCOLI, e all’Appuntato Scelto Alessio D’AMICO, addetti all’Aliquota Operativa del NORM della Compagnia di Giulianova, per aver sgominato una banda di etnia rom dedita allo spaccio di eroina e cocaina, con la denuncia di 11 persone e l’arresto di una di loro, con il sequestro di quasi 2 chili di droga. A Giulianova tra l’agosto 2019 e l’agosto 2020. Per il luogotenente carica speciale Brucoli, venuto a mancare prematuramente, ha ritirato la ricompensa il figlio Carabiniere, Gabriele; ha ritirato la ricompensa il figlio Gabriele, carabiniere.

Encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri ‘Abruzzo e Molise’, conferito al Luogotenente Vincenzo CANDELA e al Vice Brigadiere Antonio TULLII (addetti all’Aliquota Operativa del NORM della Compagnia di Giulianova), al Carabiniere Scelto Carlo PIAZZOLLA e al Carabiniere Valeria PAPARELLA (addetti alla Stazione di Roseto degli Abruzzi), per aver fatto luce sull’attentato esplosivo ai danni di una pizzeria con l’arresto di tre persone, tra cui l’esecutore materiale, e la denuncia di un quarto soggetto, responsabili di concorso in estorsione aggravata dal metodo mafioso. A Roseto e Napoli, febbraio-maggio 2020.

Encomio semplice del Comandante Legione Carabinieri ‘Abruzzo e Molise’, conferito al Maresciallo Capo Claudio CORSETTI e al Brigadiere Domenico PIPOLI, addetti al Nucleo Investigativo di Teramo, per aver sgominato un gruppo criminale composto da pregiudicati foggiani che avevano messo a segno 49 furti di autovetture del valore complessivo di 600mila euro tra Abruzzo, Marche e Puglia, con la denuncia di 16 persone e l’arresto di 7 di loro. Tra Teramo, Ancona, Barletta, Andria e Trani, ottobre 2018 e gennaio 2020.

Encomio semplice del Comandante dei Carabinieri per la Tutela della Biodiversità e dei Parchi, conferito al Luogotenente Carica speciale Ruolo Forestale, ora in congedo, Giovanni QUARANTA, già Comandante della Stazione Parco di Cortino, per aver contribuito a una complessa operazione antibracconaggio che portava all’arresto di due persone per detenzione e occultamento di armi con matricola abrasa e relative munizioni, nonchè al sequestro oltre che delle armi anche degli animali abusivamente catturati, appartenenti a specie protette, e ai mezzi di cattura illeciti. A Teramo luglio-agosto 2017.










Leave a Comment