Roseto, in funzione da oggi le 40 nuove colonnine per la sosta a pagamento

Tre App per il pagamento, abbonamenti periodici (a metà prezzo per i residenti), introdotto il parcheggio per mezz’ora a 50 cent

ROSETO – Sono entrate in funzione da oggi le 40 nuove colonnine per il pagamento della sosta a Roseto. Le tariffe sono invariate rispetto allo scorso anno, con la sola novità della tariffa per mezzora di parcheggio al costo di 50 centesimi. Esistono anche gli abbonamenti per residenti, che hanno prezzi di 15 euro al mese, con scontistica a scalare rispetto al periodo: 40 euro per 3 mesi, 120 euro per quello annuale.

I non residenti pagheranno il doppio: 30 euro al mese, 80 per 3 mesi. L’unico di questi abbonamenti che è possibile acquistare al parcometro è il mensile per residenti, perchè il costo è inferiore a 25 euro.

Sono numerose le novità previste nel servizio dei parcheggi a pagamento di Roseto con l’ingresso del nuovo gestore Abaco, novità che si affiancano ad alcune riconferme – spiega l’Assessore al Bilancio, Zaira Sottanelli -. Ci scusiamo con la cittadinanza e i turisti per una serie di disservizi non dipendenti dalla nostra volontà che si sono verificati la scorsa settimana quando, a causa del passaggio dal vecchio al nuovo gestore, con il conseguente posizionamento di nuovi parcometri, non sempre le strisce blu sono state in funzione. Da oggi è tutto risolto e il servizio è entrato a pieno regime in tutta Roseto”.

Per il pagamento delle tariffe delle strisce blu è possibile utilizzare le app dedicate: Easypark, Telepass e MyCicero. Per acquistare gli abbonamenti diversi dal mensile residenti, sono a disposizione l’ufficio del nuovo gestore Abaco, sito al 3° piano del Municipio, aperto il martedì e il giovedì dalle 9:30 alle 11:30 e quello della Polizia Municipale, oltre che il portale del Comune di Roseto, con il sistema PagoPa. I pagamenti al parcometro sono possibili in monete o con il bancomat. I disabili possessori di tagliando autorizzativo devono soltanto apporre questo sul cruscotto della macchina.

Leave a Comment