FOTO/ Garavaglia ammira i caliscendi del molo sud e tranquillizza i gestori degli chalet

Giulianova, il ministro del Turismo al molo di Giulianova accolto dal presidente dell’Ente Porto, Ferrante. Mancati pagamenti agli hotel per i profughi ucraini: “Lo trovo inaudito – ha detto – che tanta generosità venga ripagata così”

.

GIULIANOVA – Tappa teramana per il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia che ha visitato questa mattina il porto di Giulianova, accompagnato dal presidente dell’ente Porto, Valentino Ferrante. Attratto dalle caratteristiche strutture dei caliscendi, il ministro si è intrattenuto con le autorità locali e politiche sul molo sud, affrontando il tema delle presenze turistiche, esprimendo soddisfazione per l’andamento delle cifre, che secondo le previsioni potrebbero superare quelle del 2019, anno pre Covid.

Per Garavaglia è stata anche occasione di incontrare gli operatori turistici della zona, soprattutto titolari degli chalet, ai quali ha precisato alcuni aspetti della direttiva Bolkestein: proprio un suo emendamento permetterà alle strutture ricettive a conduzione familiare di avere una sorta di prelazione nella riassegnazione delle concessioni balneari. Un aspetto molto importante in considerazione che questa della gestione interna caratterizza oltre i 3/4 delle imprese balneari sul territorio.

A margine dell’incontro, il ministro è intervenuto anche sulla polemica sull’ospitalità agli ucraini e ai ritardi nei pagamenti dei titolari delle strutture ricettive, sollevata anche dal presidente regionale del Pd, Manola Di Pasquale, che ha attaccato il Governatore Marsilio per questa grave lacuna: “Scopro solo ora il problema dei ritardi nei pagamenti degli hotel della costa abruzzese che ospitano i profughi ucraini. Mi impegno a informarmi e a dare pronta risposta agli operatori“.

Personalmente trovo inaudito – prosegue Garavaglia – che un imprenditore che, con un atto di grande generosità, ospita gente che fugge da una guerra e rinuncia agli incassi di una stagione da tutto esaurito non venga tempestivamente rimborsato. Mi impegno ad intervenire per risolvere il problema“.

Leave a Comment