VIDEO E FOTO / Provincia in ginocchio per il vento: giù alberi e pezzi di tetti. Al porto raffiche a 50 nodi

Oltre 30 interventi nel pomeriggio dei vigili del fuoco (e altri 50 in lista di attesa). Tutto il personale richiamato in servizio. Chiuse la statale 80 e la provinciale 259 per la rimozione delle piante

TERAMO – Il passaggio della tempesta di vento in provincia ha lasciato tracce evidenti, soprattutto nel patrimonio arboreo, con piante e rami divelti dalla furia delle raffiche che hanno soffiato a una velocità di circa 30 nodi (circa 55 km orari) ma anche con raffiche di circa 100 chilometri orari (50 nodi) come registrato ad esempio a Giulianova.

Numerosi gli interventi effettuati nel pomeriggio dai vigili del fuoco del Comando Provinciale di Teramo, per i danni provocati dal forte vento. In poche ore i vigili del fuoco hanno effettuato circa 30 interventi e in serata c’era ancora una ‘fila’ di almeno 50 richieste da evadere. Le zone più colpite sono quelle dei comuni costieri in particolare della zona nord della provincia. Gli interventi sono stati effettuati principalmente per la rimozione di rami o alberi caduti o pericolanti, ma anche lampioni stradali, insegne, tende, elementi di edifici come manti di copertura, antenne e comignoli.

Per fornire una efficace risposta all’emergenza in atto, sono stati impegnati tutti i vigili del fuoco in servizio operativo, sia della sede centrale che dei distaccamenti di Roseto e Nereto ed è stato richiamato in servizio anche il personale di turno libero. In particolare i vigili del fuoco del Comando di Teramo sono intervenuti in via Michetti ad Alba Adriatica, per mettere in sicurezza un tetto da cui si è staccata la guaina di copertura con alcune parti che sono cadute in strada.

Da un appartamento al quarto piano di un condominio di via Cellini a Tortoreto si è staccata una tettoia che è precipitata su un’auto in sosta nei pressi del fabbricato. I vigili del fuoco del Distaccamento di Roseto hanno rimosso un grosso albero caduto sulla Statale 80 Teramo-Giulianova, a Villa Volpe, che ha provocato il blocco del traffico in tutti e due i sensi di marcia per diverso tempo.

I vigili del fuoco di Nereto sono intervenuti per rimuovere un grosso albero di pino che, cadendo, si è appoggiato ad un condominio di via Italico a Martinsicuro e una tettoia e un comignolo pericolanti da fabbricati in via D’Annunzio a Martinsicuro. Diversi gli intervenuti effettuati per rimuovere alberi, anche di alto fusto, caduti a terra a causa della forza del vento. La caduta di alberi su strade comunali, provinciali e statali, ha determinato, provvisoriamente, la chiusura al traffico veicolare in attesa che fossero completate le operazioni di taglio e rimozione degli stessi. In particolare l’Anas ha chiuso al traffico la Provinciale 259 della Vibrata nel tratto compreso tra la rotonda sulla Statale 16 ad Alba Adriatica e la rotonda di immissione al casello autostradale ‘Val Vibrata’ per la presenza di molti alberi pericolanti ai lati della strada.

Nella immagini del video di questo articolo si può anche vedere la situazione al porto di Giulianova, sferzato da raffiche di circa 50 nodi e un mare molto agitato: non si sono registrati danni alle imbarcazioni, perché gli ormeggi dei natanti, da pesca e da diporto erano state precauzionalmente rinforzati.

Leave a Comment