Allo Scientifico ‘Einstein’ la giornata sulle opportunità di studio e lavoro all’estero

Giovedì servizio Eures della Regione ed Europe Direct Abruzzo illustreranno agli studenti delle quinte i programmi europei per affrontare un’esperienza di mobilità formativa

TERAMO – Sarà il Liceo Scientifico ‘A. Einstein’ di Teramo ad ospitare la giornata di orientamento alla mobilità europea promossa dal servizio Eures della Regione Abruzzo e da Europe Direct Abruzzo. 

L’appuntamento è per giovedì 22 dicembre dalle 9. L’attività di orientamento è rivolta soprattutto verso gli studenti delle classi quinte: verranno illustrate le opportunità di studio, lavoro e tirocinio all’estero offerte dai programmi europei per affrontare una esperienza di mobilità al fine di allargare i propri orizzonti e migliorare le proprie competenze sia professionali che trasversali.

L’azione congiunta che da anni Eures e Europe Direct portano avanti soprattutto fra i giovani, con i ‘laboratori didattici’ negli Istituti d’istruzione superiore della regione, è stata di recente rafforzata con l’accordo di collaborazione che ha portato alla nascita delle Reti Europee in Abruzzo. L’intento del protocollo è di creare una rete di reti, nell’ambito del progetto ‘L’Unione Europea in Abruzzo’, per far conoscere ai giovani e ai cittadini le opportunità che mettono a disposizione le risorse europee veicolate sui territori dalla programmazione regionale e, in via indiretta, da quella nazionale.

L’incontro al Liceo Scientifico di Teramo rappresenta anche un momento di continuità fra il 2022, Anno Europeo dei giovani e l’anno 2023, che è stato proclamato ‘Anno europeo delle competenze’, e che vede l’istruzione, la formazione e l’imparare lungo tutto l’arco della vita un aspetto decisivo per la crescita delle competenze individuali e per l’economia in generale. In quest’ottica, Eures e Europe Direct anche il prossimo anno incontreranno i giovani studenti delle scuole superiori per avvicinarli in modo sempre più consapevole alle opportunità offerte dall’Unione e dal mercato del lavoro europeo.

Leave a Comment