Tottea festeggia il nuovo plesso scolastico antisismico nato sulle ceneri dell'altra scuola FOTO

Raggiante il sindaco D'Alonzo che ringrazia il sostegno della Regione Emilia Romagna: ecco la nuova media 'San Giovanni Battista de La Salle'
07 gennaio 2019

CROGNALEETO - A due anni di distanza dalla chiusura imposta dall’inagibilità conseguente al sisma del 24 agosto 2016, ha riaperto il Plesso scolastico “San Giovanni Battista De La Salle” nella frazione di Tottea di Crognaleto.
Demolito e interamente ricostruito in tempi record, grazie al generoso contributo della Regione Emilia Romagna, il plesso accoglie oggi gli alunni del comune che frequentano le classi della scuola media. Euforia e tanta emozione al suono della campanella, non solo per i ragazzi e i docenti, ma soprattutto per le famiglie e la comunità intera, che ha festggiato alla presenza del sindaco, Giuseppe D'Alonzo.
«La ricostruzione di una scuola - ha detto il primo cittadino - è sempre un indiscusso successo per un territorio, lo è maggiormente se è resa possibile dalla solidarietà e la benevolenza di una Regione amica, quale è per Crognaleto l’Emilia Romagna. Un tripudio di nobili sentimenti e tante buone intenzioni, un esempio di impegno e attenzione ai servizi essenziali quali l’istruzione, un simbolo di rinascita e valorizzazione di un territorio in difficoltà, ma che ha tanta voglia di ricominciare partendo proprio dalle giovani generazioni. Investire sulla Scuola per contribuire alla formazione del senso di attaccamento ad un territorio che sta subendo, ora più che mai, gli effetti dannosi dello spopolamento. La Scuola, dunque, intesa non solo come volano di cultura diffusa, ma soprattutto quale strumento di formazione, sin dalla tenera età, di una precisa identità personale che nasce dal legame con il territorio di appartenenza».
Il Plesso scolastico di Tottea è una struttura antisismica, sostenibile e all’avanguardia che rappresenta una rivalsa contro le difficoltà e le paure scaturenti dagli eventi calamitosi e una sfida contro lo spopolamento delle aree interne. Un concetto di scuola che vuole essere un modello per tutto il versante appenninico, poiché inteso con una duplice funzione: ovvero non solo come luogo deputato alla formazione ed istruzione dei ragazzi del territorio, ma anche come punto di raccolta e aggregazione per tutta la popolazione in caso di emergenza. Insomma un 'porto' sicuro e accogliente con una valenza polifunzionale.
Il sindaco di Crognaleto ha parlato di «scommessa vinta, una promessa mantenuta. È un’emozione immensa vedere oggi i nostri ragazzi varcare, zaino in spalla e sorriso sulle labbra, la soglia di questa nuova scuola e leggere nei loro occhi l’orgoglio di essere cittadini di Crognaleto. È stato raggiunto un traguardo importante: questo plesso scolastico è l’emblema della rinascita».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter