A luglio due treni hanno rischiato la collisione tra Giulianova e Roseto: la procura indaga tre ferrovieri

Il malfunzionamento del sistema di sicurezza mise sullo stesso binario un merci e un passeggeri: impatto evitato per i riflessi di un macchinista
12 gennaio 2018

TERAMO - Una tragedia sfiorata, una collisione tra due treni evitata grazie alla prontezza di riflessi del macchinista di uno dei due convogli che riuscì ad azionare i freni di emergenza. Lo si apprende a conclusione delle indagini svolte dalla Polizia ferroviaria del Compartimento di Ancona, confluite nel fascicolo della Procura di Teramo dove sono iscritti tre indagati, tutti dipendenti di Rfi, tutti per pericolo di disastro ferroviario L'incidente è stato sfiorato lo scorso mese di luglio, sulla linea ferroviaria tra le stazioni di Roseto e Giulianova, fra un treno merci diretto a Fossacesia e un regionale diretto a Foggia. I treni a un certo punto si erano trovati a transitare sullo stesso binario; la collisione fu evitata grazie alla prontezza di riflessi del macchinista del merci che riuscì ad azionare i freni d'emergenza. Secondo quanto ha accertato l'indagine della Polfer, i due treni si erano ritrovati sullo stesso binario a causa di un malfunzionamento del sistema di sicurezza causato da una non conforme verniciatura dei binari stessi. Tale verniciatura avrebbe provocato un'interferenza che non avrebbe permesso al treno merci di rilevare la presenza del regionale su quello stesso binario.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter