Alba, pineta e spiaggia ripulite dai detenuti

Avviato il servizio in convenzione. Il sindaco PIccioni: «Arenile pronto per i primi arrivi pasquali»
27 febbraio 2014

TERAMO - Grazie alla convenzione firmata tra la Provincia e la casa circondariale di Ascoli Piceno e la Poliservice, le pinete e gli arenili liberi sono stati ripuliti dai detenuti. Dalla fine di dicembre, due volte al mese, sei persone rinchiuse nel penitenziario ascolano stanno lavorando sulla spiaggia sia nelle tre pinete, differenziando lo 'spiaggiato' e predisponendo i cumuli di rifiuti per tipologia, in maniera da permettere alla Poliservice un’agevole raccolta per lo smaltimento. L'operazione complessivamente è costata alla Provincia circa 20mila euro. sui presunti ritardi nella pulizia dell'arenile, il sindaco di Alba Adriatica, Tonia Piccioni, spiega che «stiamo operando con buon senso: smaltire le tonnellate di tronchi arrivate in spiaggia con le piogge alluvionali, senza aver fatto prima asciugare la legna, avrebbe comportato un pagamento di due o tre volte superiore considerando che il costo è calcolato a peso. Cerchiamo di gestire con oculatezza le risorse che abbiamo - ha aggiunto il sindaco albense - perché le esigenze sono tante e la coperta è molto corta. Il nostro obiettivo e restituire all’arenile un aspetto pulito e accogliente in tempo per la prima stagione delle vacanze: quelle pasquali». Il sindaco è tornato a sottolineare anche «l'urgenza di istituire, all'interno dell'Unione dei Comuni della Val Vibrata, un fondo per le emergenze alimentato da tutte le amministrazioni locali, visto che il mio Comune e quelli limitrofi si trovano ad affrontare, sia finanziariamente che ambientalmente, problemi che arrivano, letteralmente, dai territori a monte». 

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Alessandro
    Scritto il 27 febbraio 2014 alle ore 20:58:00
    Un idea fantastica, ma soprattutto per i detenuti che avranno uno stimolo in più....(anche una riduzione spese dei comuni) Complimenti ......
Ultimi commenti
Loading...