AperiAdsu agli scavi di Madonna delle Grazie, per 'entrare' nei progetti che cambiano la città

Presentata la manifestazione del 3 ottobre. Preview della passeggiata virtuale in bike sull'antica via Cecilia. Serata con storia, futuro urbanistico, musica e aperitivo
28 settembre 2019

TERAMO - E' intriso di contenuti particolari l'aperitivo che animerà, giovedì prossimo 3 ottobre, l'area archeologica della Madonna delle Grazie. Intanto perchè 'AperiAdsu' permetterà di aprire un'area di grande valore storico al momento 'ermetica', grazie alla disponibile della sovrintendenza archeologica d'Abruzzo e alla vigilanza del Fai, scavi che i cittadini teramani non hanno sempre l'opportunità di vedere. Ma soprattutto perchè l'Azienda per il diritto allo studio di Teramo, che ha messo insieme altre realtà istituzionali e associative del territorio (Mibac, Regione, Comune, Soprintendenza, UniTe, Legambiente, Fai e Fondazione Tetraktis), ha scelto questo scenario per contestualizzare al meglio una primizia: una passeggiata virtuale in bici sull'antica via Cecilia, l'attuale Strada maestra del Parco, la statale Teramo-Giulianova, in epoca romana. Prima del suo lancio sulle piattaforme internazionali (è un progetto comunitario condotto assieme ai partner croati) , come ha spiegato il promotore dell'iniziativa, il direttore dell'Adsu Antonio Sorgi, il modello di realtà aumentata sarà prioiettato in questa occasione e replicato in piazza Martiri tre giorni dopo, in occasione della festa di compleanno del compianto Ivan Graziani.
L'iniziativa è però più ampia, orientata a fornire un focus sui progetti 'caldi' in questi mesi in città: la residenza universitaria di viale Crucioli, la 'Cittadella della cultura' nell'ex manicomio di via Saliceti e il recupero del Teatro romano d'Interamnia. Non a caso, come il remind della romana via Cecilia percorsa con una moderna bike, sono anch'essi contesti urbanistici rifunzionalizzati da modelli esistenti di varie epoche passate. "Sarà un momento free - ha detto Sorgi - molto dinamico e fruibile, un aperitivo che abbiamo chiamato AperiAdsu, allietato dalla musica del Braga e 'condito' dai prodotti del territorio con la collaborazione della Cia, la Confederazione agricoltori che conosciamo già per le esperienze della nostra mensa universitaria e della cooperativa Blue Line che proprio la mensa gestisce. Coincide con l'apertura dell'anno accademico e vuol essere un buon avvio per l'anno scolastico". Da Roberto Battaglia, presidente, a Donato Di Marco, direttore della Cia di Teramo, qualche anticipazioni sul menu della serata, con "una sintesi dei prodotti del territorio che caratterizzerà l'aperitivo, e una vetrina sul prestigioso mondo vitivinicolo teramano". "L'AperiAdsu costituisce l'ennesima dimostrazione di come negli anni l'Adsu ha dimostrato una programmazione che ha puntato molto sulla nostra città - ha detto il sindaco Gianguido D'Alberto -, giocando un ruolo fondamentale nel rapporto tra il Comune e l'Università per raggiungere quell'obiettivo di Teramo città universitaria, che non significa semplicemente solo una caratterizzazione della città per la presenza dell'ateneo, ma di una città che riesca a creare davvero una simbiosi, una sinergia di azioni tra comunità, quella cittadine e quella studentesca". 
"Mai come in questi anni abbiamo fatto fatica a distinguere Adsu e Università di Teramo - ha detto il Rettore di UniTe, Dino Mastrocola - e questo è un valore aggiunto importante. Per questo spero che nel futuro Adsu non diventi avulso dall'ateneo, al quale offre servizi e con il quale è perfettamente integrato. E i risultati si vedono, dalla mensa, al campus alla Casa dello studente, progetto che sembrava fino a poco tempo fa irrealizzabile. In questa occasione vorrei sottolineare il ruolo e la disponibilità della Sovrintendenza. Spesso siamo abituati a pensare ad essa come qualcosa che blocca, in questi mesi ci siamo trovati a dialogare in modo molto costruttivo e ad individuare soluzioni ampiamento condivise. Ecco allora che AperiAdsu si materialzza come grande lavoro di rete e di gruppo". 

Voto medio (1 voti; 5.00)
Vota:
counter