Aumento pedaggi, 77mila firme alla petizione online. Aumentano le proteste

L'iniziativa del sindaco di Aielli sul sito change.org riscuote successo. Martedì sit-in a Roma in occasione dell'incontro con il ministro Delrio
05 gennaio 2018

TERAMO - Mentre supera quota 77mila firme la petizione lanciata sul sito change.org dal sindaco di Aielli, Enzo Di Natale, contro l'aumento dei pedaggi autostradali, la protesta dilaga. La mobilitazione dei sindaci, dei sindacati, dei pendolari, degli utenti deve portare alla revoca di questi scandalosi aumenti, dice il parlamentare di Articolo 1 Mdp, Gianni Melilla. Lunedì mattina ci sarà una manifestazione al casello di Mandela, nel versante laziale e martedì ci sarà un sit-in davanti al Ministero dei Trasporti a Roma  in concomitanza dell'incontro tra il Ministro Del Rio e i presidenti della Regione Abruzzo D'Alfonso e del Lazio Zingaretti. L'autostrada dei Parchi - sottolinea Melilla - negli ultimi 15 anni ha aumentato i pedaggi di oltre il 200%, a fronte di una inflazione complessiva del 37%. E inoltre - aggiunge il sparlamentare  vi sono palesi inadempienze da parte del gestore in tema di investimenti sui servizi e sugli standard di sicurezza. Basti pensare alla mancata realizzazione nella VallePeligna di una stazione di servizi tra Chieti e Magliano dei Marsi". econdo l'esponente di Liberi e Uguali, «emerge con evidenza il fallimento di una privatizzazione che ha trasformato la nostra autostrada pagata esclusivamente dallo Stato, in una gallina dalle uova d'oro solo per il gestore».

Voto medio (1 voti; 4.00)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Cosimo Artieri
    Scritto il 08 gennaio 2018 alle ore 17:40:00
    Per andare a L'Aquila e ritorno per le Capannelle sono 150 km costo Gasolio circa 13 euro. Per l'autostrada 90 km costo euro 8 a cui bisogna aggiungere 13.5 euro di autostrada totale 21.5 euro circa. Fatevi i conti. Se avete tempo.......sapete dove passare.
  • Marco
    Scritto il 07 gennaio 2018 alle ore 22:42:00
    L'aumento dei pedaggi A24 e A25 è un grave pregiudizio per tutti i cittadini abruzzesi che non hanno alternative per recarsi nella capitale e per potenziali investitori che non investiranno piu' in Abruzzo contribuendo a far piombare l'Abruzzo nella crisi economica. Possibile che chi concede questi aumenti così esorbitanti non se ne accorga???
Ultimi commenti
Loading...