Campli, la gestione del cimitero affidata con project financing al privato

Per 25 anni l'Ati tra Sice e Gli Angeli consentirà di ristrutturare e ammodernare gli 8 campisanti
09 settembre 2018

CAMPLI - Il project financing entra anche nel camposanto comunale e Campli si allinea ad altri comuni teramani, di cui è stato capofila Notaresco, affidando una buona parte dei servizi cimiteriali al privato. E’ infatti andata in porto, dopo oltre due anni di gestazione e qualche intoppo sul percorso, non solo dovuto al terremoto, la convenzione con l’Associazione temporanea di  imprese costituita dalla SICE srl e dal Centro Servizi ‘Gli Angeli’ snc. L’affidamento in project financing dell’adeguamento elettrico ed energetico cimiteriale, gestito attraverso la Centrale unica di committenza presso l’Unione dei Comuni montani della Laga, varrà per i prossimi 25 anni. I necrofori comunali, che a Campli sono due e sono storici, non andranno via, resteranno per i servizi che normalmente possono garantire, in particolare la custodia, l’apertura e la chiusura, così come per le piccole pulizie. Lungo la sua strada l’appalto così come approvato ha conosciuto anche forti critiche da parte dell’opposizione, L’idea portata avanti dal sindaco Pietro Quaresimale e dall’allora vice ed assessore Federico Agostinelli fu osteggiato dalle opposizioni preoccupate per un aumento dei canoni per i cittadini. Senza poi dimenticare l’eclatante protesta, con tanto di sfilata dei carri funebri delle ditte aderenti alla Fedecofit, un anno fa, con cui una parte dei titolari di agenzie contestavano l’affidamento dei servizi. Ma il Comune aveva una necessità non più procrastinabile: rimettere ordine al caos nella gestione delle tumulazioni e delle estumulazioni, ma soprattutto provvedere alla messa in sicurezza e all’adeguamento di un impianto elettrico fatiscente. Quello della messa a norma impiantistica era diventata una necessità impellente, fonte potenziale di rischi per la vetustà ma anche di maggior consumo e sperpero dei denaro: elemento questo che ha dato forza all’idea progettuale proposta proprio dalle due ditte che si sono aggiudicate l’appalto (e che sono state le uniche a partecipare), al quale si è aggiunto un affidamento più completo, che riguarda anche altri aspetti organizzativi dei cimiteri comunali. Il nuovo gestore si occuperà intanto del rifacimento complessivo dell’impianto elettrico degli 8 cimiteri sparsi sul territorio comunale di Campli (oltre a capoluogo nelle frazioni di Castelnuovo, Battaglia, Boceto, Collicelli, Campovalano, Sant’Onofrio, Guazzano e Garrufo). Tra gli obblighi ci sono anche la tumulazione e l’estumulazione delle salme, la sostituzione delle vecchie lampade votive a incandescenza con le più moderne a Led, la realizzazione di impianti fotovoltaici, l’installazione di cancelli automatici, di una nuova illuminazione dei viali principali, pavimentazione dei transiti pedonali. Il project prevede investimenti a carico di chi si è aggiudicato la convenzione di circa 600mila euro, remunerabili attraverso la gestione per un quarto di secolo, sotto forma di incasso delle quote annuali dei canoni dei servizi cimiteriali e delle lampade votive. Il Comune ovviamente eserciterà sempre il controllo sul servizio attraverso il catasto cimiteriale e le prenotazioni per la vendita dei loculi.

Voto medio (1 voti; 3.00)
Vota:
counter