Cardiochirurgia trova il primario del dopo Di Eusanio, sarà Michele Triggiani

Il 55enne chirurgo specializzato in tecniche mini invasive del Manzoni di Lecco guida la terna del concorso bandito dalla Asl di Teramo. Nessun teramano tra i primi cinque
20 giugno 2018

TERAMO - E' Michele Triggiani, reponsabile dell'Unità operativa tecniche mini invasive in cardiochirurgia dell'Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco, il candidato principale ad assumere la guida della Cardiochirurgia dell'ospedale Mazzini di Teramo. L'indicazione arriva dalla terna del concorso con cui la Asl di Teramo ha selezionato i professionisti cui affidare l'incarico di primario cardiochirurgo, vacante da oltre un anno dopo la partenza del dottor Marco Di Eusanio verso il nosocomio Lancisi di Ancona. Triggiani, formazione all'Università di Milano con specializzazione a Siena ed esperienza ventennale tra il Policlinico milanese e i Riuniti di Bergamo (dove ha partecipato ai programmi di trapianto di cuore), precede altri illustri esperti della materia, quali Valentino Borghetti (Ospedale Santa Maria di Terni) e Francesco Formica (Ospedale San Gerardo di Monza). Nei primi cinque posti della graduatoria dalla quale è stata estrapolata la terna da cui il direttore generale Roberto Fagnani sceglierà il nuovo primario, non figurano professionisti teramani, nonostante tra gli ammessi al concorso c'erano Mauro Di Eusanio (fratelllo del più noto Giuseppe, fondatore del reparto e zio del precedente primario, Marco), Ugo Minuti e Carmine Villani, quest'ultimo anche reggente del dopo Mazzola, tutti e tre medici di lungo corso della cardiochirurgia locale.

Voto medio (2 voti; 4.00)
Vota:
counter