Caso Robimarga, assolti gli ex vertici della Asl. Varrassi anche per l'auto blu

I giudici dell'Appello annullano le condanne di Ambrosj e Antelli (come richiesto anche dal pg) e dell'ex direttore generale che in primo grado subì 3 anni e due mesi
13 aprile 2018

TERAMO - A distanza di sei anni dall'apertura e dalla riunione delle due inchieste, la Corte d'Appello dell'Aquila ha oggi annullato le condanne inflitte nell'ottobre 2015 agli allora vertici della Asl di Teramo: assolti, perchè il fatto non sussite, dall'accusa di abuso d'ufficio l'ex direttore amministrativo Lucio Ambrosj, quello sanitario Camillo e Antelli e l'allora direttore generale Giustino Varrassi, che era imputato oltre che per il caso Robimarga - assieme agli altri due dirigenti -, anche per il peculato dell'auto di servizio, assieme al suo autista Gabriele Lanci. Per i giudici dell'Appello (presidente Manfredi, a latere Grimaldi e Aloisi) solo per quest'ultimo resta confermata la sentenza di primo grado che lo condannò a un anno di reclusione per appropriazione indebita, falso e truffa, in quanto il ricorso, tardivo, è stato ritenuto inammissibile. L'assoluzione di Ambrosj e Antelli (condannati in primo grado a 4 mesi) era stata sollecitata nel corso della sua requisitoria questa mattina all'Aquila anche dal procuratore generale, che ha invece chiesto la conferma della condanna a tre anni e due mesi che il direttore generale aveva rimediato dal tribunale di Teramo. I tre erano accusati di aver favorito la promozione di Corrado Robimarga, l'urologo ed ex assessore comunale all'urbanistica condannato a un anno e 8 mesi per aver truffato sull'intramoenia la Asl e licenziato nel 2016 dalla stessa azienda sanitaria. Il pm Davide Rosati ritenne i vertici sanitari responsabili della sua nomina a responsabile dell'endoscopia urologica all'ospedale di Giulianova, nonostante l'esistenza del procedimento penale nei suoi confronti. Varrassi inoltre doveva rispondere dell'utilizzo dell'auto di servizio in quasi 700 viaggi sul tragitto casa-lavoro e per l'utilizzo dei servizi dell'autista Asl. Anche in questo caso l'accusa è stata ritenuta insussistente. Una riabilitazione su tutti i fronti per gli ex veritici della Asl, dunque, purtroppo tardiva in particolare per le conseguenze subite a livello personale da alcuni protagonisti, loro malgrado, di questa vicenda. Come l'ex direttore amministrativo Ambrosj che da quell'inchiesta rimediò la preclusione ad una possibile nomina a direttore generale: mentre gli altri due, Varrassi e Antelli, erano alla soglia della pensione, per l'alto dirigente Asl, ancora oggi in servizio, sfumò un meritato avanzamento di carriera. In udienza gli imputati erano rappresentati dai difensori Marconi e Zuccarini (per Ambrosj), Catenacci (per Antelli), Pisani e Iadecola (per Varrassi), Di Odoardo (Lanci).

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...