Cassetto tributario bloccato da giorni sul web. E intanto scade il pagamento del saldo della Tari

Numerose le proteste degli utenti: sul sito del comune disatteso l'avviso che il servizio sarebbe ripreso il 31 ottobre. «Lufficio della TeAm non risponde alle segnalazioni»
02 novembre 2017

TERAMO - Un servizio tanto reclamizzato, comodo e veloce, che al Comue di Teramo si è trasformato in disservizio: il cassetto tributario, in questi giorni di scadenza del saldo della Tari 2017, è inutilizzabile perchè in manutenzione. La denuncia arriva da diversi contribuenti, che lamentano il fatto di essere diventati' morosi: la scadenza è trascorsa e l'interfaccia telematica non è tornata utilizzabile. Sulla home page del sito dedicato del Comune di Teramo, laddove l'utente può servirsi di Internet per per pagare la rateizzazione senza dover fare file alla banca o alle poste, permettendo inoltre di avere uno storico aggiornato dei pagamenti, il 30 ottobre, a 24 ore dalla scadenza, era pubblicato l'avviso che sarebbe tornato funzionante il 31 ottobre. «L'ultimo giorno utile per effettuare il pagamento, mi sono collegato nuovamente al sito - scrive uno dei tanti utenti -, ma ancora una volta un cartello annunciava che il sito era ancora in manutenzione. Ieri, 1° novembre, il sito era ancora offline, ed ancora oggi (2 novembre) era ancora impossibile provvedere al pagamento tramite un legittimo (e pubblicizzato) metodo di pagamento online; perlomeno hanno provveduto a modificare il cartello di chiusura: hanno tolto la data supposta di termine lavori».
Cosa succederà adesso? «Ci aspettiamo che l'utenza, per cause di forza maggiore per responsabilità dell’azienda che gestisce il software, - aggiunge l'utente -, non incorrerà in penali derivanti dal ritardo generatosi». Nel disservizio, un altro: c'è chi ha segnalato il problema via mail sia all'azienda che gestisce il cassetto tributario, sia all'ufficio Tia della Teramo Ambiente. Ebbene, l'azienda ha risposto, l'Ufficio Tia no.

Voto medio (1 voti; 4.00)
Vota:
counter