Coppa Interamnia, Montauti rilancia nonostante le difficoltà: "Per i 50 anni vogliamo 1.000 squadre"

Presentata la edizione numero 47 che scatta lunedì prossimo con la parata. E' sempre emergenza ma adesso c'è un Comitato per il futuro
05 luglio 2019

TERAMO - La provocazione il patron Gigi Montauti la lancia alla conclusione della presentazione ufficiale della 47esima edizione della Coppa Interamnia, Memorial Giorgio Binchi (da lunedì prossimo al 14 luglio): "Per i 50 anni, nel 2022, dovremo raggiungere le 1.000 squadre partecipanti". Può essere letta come una esagerazione (a questa edizione ne sono iscritte 122...), ma di sicuro è il segno di quanto sia ringalluzzito l'organizzatore che dal 1973, ininterrottamente, sfida crucci e difficoltà economiche, per allestire la parata che dà il via a una settimana di pallamano giovanile ed eventi culturali a Teramo. L'elisir di lunga vita all'intramontabile kermesse internazionale, che ancora oggi centinaia di federazioni e squadre del mondo amano frequentare, l'ha infuso probabilmente il Comitato istituzionale 'inventato' dall'amministrazione comunale di Teramo come capofila, e che annovera enti come l'Università di Teramo, la Provincia, la Camera di commercio, la Federazione Giuoco Handball, il Consorzio Bim, l'Azienda per il Diritto agli studi universitari Adsu, la Baltour e la stessa Interamnia world cup. Presieduto dal sindaco di Teramo con segretario l'assessore allo sport Antonio Filipponi, costituisce presidio che per Montauti è "non sentirci più soli", nell'affrontare una Coppa che ogni anno è sempre più emergenza piuttosto che normalità. Il Comitato, che avrà anche compiti di raccolta di supporti economici, potrebbe rivelarsi un ottimo volano per rilanciare l'Interamnia, nell'ottica dell'adesso o mai più. Sotto questo aspetto utile è il 'consiglio' offerto dal consigliere federale della Figh, il teramano Fabrizio Quaranta, che della Coppa è stato, ai tempi dello storico factotum Giorgio Binchi e anche dopo, uno dei 'motori' trainanti: "E' necessario portare una ventata di novità, di cambiare tutto e organizzarlo al passo con quello che cambia - ha detto -. Una sorta di 'reset' che rilanci questa manifestazione che ancora oggi soffre i mali di sempre. Anche perchè la Federazione sta facendo e ha fatto per questa manifestazione sforzi e investimenti importanti, a cominciare dal far slittare indietro la data del Festival della Pallamano a Misano Adriatico, sta offrendo collaborazione e sostegno nuovi, porta sul campo due nazionali femminili, fidando molto in un nuovo corso della manifestazione". "Il Comune vuole puntare sul futuro della Coppa - ha detto il sindaco Gianguido D'Alberto -, e questo Comitato permetterà non solo di dare una struttura organizzativa più adeguata, ma anche la riscoperta del suo significato e l'allargamento fuori dei confini della nostra città. Dovrà tornare ad essere un vanto e una istituzione. Servirà anche a superare l'emergenza e voglio pensare positivo già con un primo aspetto utile: quest'anno non ho dovuto requisire la scuole". 
In definitiva quella del Comitato è anche la più grossa e forse unica novità di questa edizione numero 47. Il planning della manifestazione ilustrato da Montauti nell'incontro alla presenza delle autorità istituzionali e del presidente provinciale del Coni, Italo Canaletti (c'erano anche il presidente del Bim, Gabriele Minosse, Antonella Ballone del Cda della Baltour e il delegato del Rettore di UniTe), ripercorre un pò tutti gli appuntamenti classici della manifestazione, dalla grande e sempre affascinante parata inaugurale Memorial Tiberio Cianciotta di lunedì 8 luglio alle 20:30, sul percorco 'corto' da viale Mazzini a piazza Martiri, l'elezione di miss e mister Coppa (venerdì 12 luglio alle 21), lo show canoro Mix Factor Summer (mercoledì 10 luglio alle 21:30). Tra questi, un divertente quadrangolare di calcetto sul campo centrale di piazza Martiri dove si esibirà anche una squadra formata dal sindaco e da assessori e consiglieri comunali, contro una di Croce rossa, Rappresentanza dell'Egitto e Associazione nazionale Polizia di Stato (martedì 9 luglio alle 21) e un Gala party a Porta Romana con cui la 'cucina teramana accoglie gli arbitri, i dirigenti e gli altri protagonisti della Coppa (giovedì 11 luglio alle 20:30).
Si parte dunque lunedì 8 luglio, con la consueta parata inaugurale: anche quest'anno, il terzo, manifestazione blindata e a numero chiuso. Il Comitato organizzatore è alle prese con le disposizioni della circolare del ministero dell'Interno che vuole particolare attenzione dedicata alla presenza delle persone e del posizionamento di varchi di entrata. La novità è che quest'anno non ci saranno i braccialetti colorati ma il 'contapersone'

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter