Corona attacca la demagogia degli annunci di Valdo: «Inaugura e spaccia per proprie iniziative dell'amministrazione Brucchi»

Il consigliere della lista civica Oltre chiarisce i tempi del parco giochi e dell'area pic-nic sul lungofiume
06 novembre 2018

TERAMO - «E' ora che l'attuale Amministrazione comprenda la differenza che passa tra la pura propaganda politica demagogica e il compito che le compete, di amministrare con atti concreti la nostra Città. Compito che questa Amministrazione sta dimostrando di non avere tra le sue priorità». La critica arriva dal consigliere comunale della lista civica Oltre, Luca Corona, che è saltato su tutte le furie quando ha letto sul nostro sito che l'assessore all'ambiente Valdo Di Bonaventura annunciava l'imminente inaugurazione di un parco giochi e di un'area pic-nic sul  lungofiume Vezzola. «Rimango meravigliato - ha detto Corona -per il fatto che si presenti l’opera come frutto dell’attuale amministrazione. L’iter burocratico fu avviato dall’amministrazione Brucchi e l'area fu individuata dall'allora assessore Roberto Canzio. E' stato necessario attendere i tempi tecnici necessari per le autorizzazioni. Anche la questione dei fontanili fu affrontata dalla passata amministrazione, tanto che si aprì l’iter con la Ruzzo Reti per l’assegnazione delle bollette a carico del Comune. E le attrezzature dell’area erano in deposito già da un anno presso la TeAm., nell’ambito del progetto congiunto tra Comune e TeAm di adottare un pezzo di Parco fluviale».Corona accusa la piena demagogia di chi amministra adesso il Coimune e fa riferimento anche a quello che definisce “un altro atto di pura demagogia", la delibera con cui si chiede la sospensione del decreto sicurezza, «atto giuridicamente inefficace - dice - in quanto si dimentica o, meglio, si ignora che nessuna Giunta Comunale ha potere in merito. E non si può che rimanere basiti di fronte alle successive dichiarazioni pubbliche da parte dei vari Assessori sulla questione».

Voto medio (1 voti; 1.00)
Vota:
counter