Da domani in funzione la rotonda mobile. Lunedì avanza il cantiere del Corso FOTO

Operai al lavoro per gli ultimi dettagli, poi non si potrà più percorrere via Cerulli Irelli
21 luglio 2016

TERAMO - Da domattina entrerà in funzione la rotonda mobile di piazza Garibaldi al'incrocio con circonvallazione Ragusa e Ponte San Gabriele. Dopo la conclusione dei lavori di 'taglio' del marciapiedi sul lato destro dell'incrocio, gli operai da questa mattina, sotto il coordinamento dei vigili urbani e dei tecnici dell'assessorato ai Lavori pubblici, hanno disegnato a terra la segnaletica orizzontale dello svincolo e posizionato i new-jersey mobili che costituiranno perno attorno a cui si svolgerà la viabilità locale. Saranno utilizzabili due corsie per la direzione piazza Garibaldi ponte San Gabriele, una dedicata a chi deve svoltare verso la circonvallazione e soprattutto non sarà più possibile girare verso via Dati a sinistra per chi percorre l'uscita da piazza Garibaldi: per procedere in una sorta di inversione di marcia e tornare verso piazza Garibaldi sarà obbligatorio percorrere la rotonda e tornare indietro. L'entrara in funzione dela rotonda mobile (chiamata così perchè al termine dei lavori di corso San Giorgio sarà eliminata), prelude alla chiusura di via Cerulli Irelli: chi percorre la circonvallazione non potrà girare verso la strada del Genio Civile per raggiungere il Corso. Sarà permesso solo per il traffico locale, che dovrebbe essere facilitato al ritorno verso piazza Martiri della Libertà con l'inversione di un senso di marcia di una delle parallele di via Capuani (via Nazario Sauro?), ma questo è ancora da decidere. Lunedì l'assessorato ai Lavori pubblici dovrebbe dare il via allo spostamento del cantiere di corso San Giorgio nell'ultimo tratto, quello tra largo San Matteo e piazza Garibaldi. I lavori, nel cantiere, proseguono sul lato destro con regolarità. Per farlo anche sul lato sinistro si attende l'assenso definitivo, su carta, da parte della Sovrintendenza: è stato infatti raggiunto un accordo sulla 'protezione' di alcuni pavimenti rinvenuti dopo la sede della ex Tercas, accanto ai quali scorrono i sottoservizi.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter