Fibromialgia, la doppia odissea dei pazienti: no della Regione ai Lea e Centro iperbarico vietato

L'appello dei pazienti affetti dalla 'patologia invisibile': «Malattia invalidante e dagli alti costi sanitari»
10 ottobre 2017

TERAMO  - Riconoscere la fibromialgia come malattia invalidante e inserirla nell'elenco delle malattie rare: è l'appello che arriva da Romina Rossoli, referente abruzzese di tantissime persone affette dalla sindrome infiammatoria muscolo-scheletrica, che cercano un sostegno pubblico nella prevenzione e nella cura di una malattia purtroppo ancora poco conosciuta ma che affligge oltre 2,5 milioni di persone in Italia. Di recente, l'assessore regionale alla sanità, Silvio Paolucci, rispondendo alla sollecitazione del vicepresidente del consiglio regionale, Paolo Gatti, ha ribadito l'impossibilità di inserire nei Lea (Livelli essenziale di assistenza) la fibromialgia perchè di competenza nazionale e qualora la Regione volesse farlo negli “extralea“, ciò non è possibile perchè nonostante l'Abruzzo sia uscito dal commissariamento è tuttora sottoposta a piano di recupero. Dunque, il rischio che la sindrome fibromialgica resti "fantasma" o "invisibile" non rassicura la platea purtroppo vasta delle persone affette, che vedono ancora lontana la possibilità di assistenza sanitaria adeguata. Questa mattina, durante "Di Prima Mattina" sull'emittente privata 'Super J', la Rossoli ha ricordato come la difficoltà dei pazienti viene acuita, nel Teramano in particolare, dall'impossibilità di utilizzare la camera iperbarica del Centro di Sant'Atto, ancora fuoriuso.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...