Gianguido D'Alberto è il nuovo presidente bipartisan dei sindaci d'Abruzzo

Dall'esperienza di referente del cratere del sisma nell'assemblea nazionale, il primo cittadino teramano eletto alla guida dell'Anci regionale
18 ottobre 2019

TERAMO - La convergenza dei sindaci abruzzesi sul candidato unico ha retto alla prova congressuale, portando alla presidenza dell'Anci Abruzzo il primo cittadino di Teramo, Gianguido D'Alberto. Lo ha eletto la decima l'Assemblea regionale, riunita oggi pomeriggi nella sede della Camera di commercio Chieti-Pescara a Madonna delle Piane di Chieti Scalo. E' stato lo stesso sindaco teramano ad annunciarlo via whatsapp ai suoi consiglieri comunali di maggioranza, non nascondendo la soddisfazione per il traguardo raggiunto. D'Alberto, membro del Consiglio nazionale ed eletto di diritto all'Assemblea nazionale dell'Anci, oltre che referente nazionale per i Comuni del cratere sismico 2016, succede a Luciano Lapenna, sindaco di Vasto. Tra i primi a esprimere soddisfazione per la sua elezione è stato il segretario regionale del Partito democratico, Michele Fina, che ha ringraziato tutti gli amministratori abruzzesi "per la bella prova di coesione che hanno dato alla nostra regione. Non ci sono e non ci saranno da parte mia, come segretario di un partito, sciocche rivendicazioni di parte: il Presidente e tutti coloro che sono stati chiamati a guidare l'Anci lo faranno tutelando la piena autonomia del loro ruolo istituzionale e del più importante sindacato dei Comuni che oggi rappresentano". Era stato proprio Fina a caldeggiare nei giorni scorsi la figura di D'Alberto quale candidato unico all'assemblea regionale, quale espressione bi-partisan. Secondo Fina, D'Alberto può rappresentare un'Anci Abruzzo "forte, autonoma ed ascoltata. E serve ancor più in Abruzzo, con le tante problematiche che subiamo e le tante opportunità che dobbiamo ancora cogliere. In questo senso, la scelta del Sindaco di Teramo è anche un bel messaggio rivolto all'azione di ricostruzione dei Comuni colpiti dal sisma, sfida che D'Alberto ha seguito in questi anni come Anci nazionale. La giornata di oggi, insomma, è il miglior contributo che i Comuni abruzzesi potevano dare alla credibilità della politica della nostra regione - ha concluso il segretario regionale Dem".

Il saluto di Sandro Mariani. "Voglio esprimere la mia soddisfazione e il mio augurio di buon lavoro a Gianguido D’Alberto - ha detto il consigliere regionale Sandro Mariani, capogruppo di 'Abruzzo in Comune' -. Per Teramo e la sua Provincia è motivo di orgoglio che la scelta dell’Assemblea regionale, all'unanimità, sia caduta proprio sul Sindaco di Teramo, riconoscendone il valore e anche la capacità di aver saputo coalizzare nella sua esperienza amministrativa nuova e ambiziosa anime diverse per il bene di una Cittá. Sono convinto che D'Alberto saprà dare un contributo positivo per i Comuni dell’intera Regione grazie all'esperienza maturata come primo cittadino di Teramo.  Porterà inoltre, in seno all'ANCI, un valore aggiunto nel dialogo con l’Ente Regione in virtù del suo valore professionale e del suo essere profondo conoscitore delle dinamiche e del processo legislativo. Anche l’attenzione che oggi merita il delicato e cruciale tema della ricostruzione post sisma - ha concluso Mariani - trova ulteriori garanzie con l'elezione a Presidente di Gianguido D’Alberto, impegnato in prima linea su questo campo in qualità di coordinatore dei Comuni del cratere.
Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter