I carabinieri bloccano la consegna di 8,5 chili di marijuana (e due pistole), tre arresti

Irruzione in un appartamento di Giulianova Lido dove c'era la trattativa tra due albanesi e un aquilano. S'indaga sulla provenienza e sull'uso delle armi
03 gennaio 2017

TERAMO - I carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Teramo hanno intercettato lo scambio di una fornitura di marijuana, sequestrandone 8,5 chili e arrestando tre persone, due albanesi residenti a Giulianova e un aquilano. La droga è stata rinvenuta nascosta nell'imballaggio di un televisore, assieme alle repliche di due pistole semiautomatiche, una delle quali senza tappo rosso, e relativo munizionamento: il tutto era in un appartamento a ridosso della statale Adriatica, dove i militari hanno fatto irruzione, dopo aver notato l'incontro tra i tre.

I due quarantenni albanesi e il 32enne aquilano da circa tre giorni erano stati notati in giro per le vie di Giulianova e in particolare uno dei tre stranieri era già noto agli uomini diretti dal capitano Roberto Petroli, perchè tempo addietro era stato arrestato in possesso di eroina in provincia di Ascoli Piceno. L'irruzione in casa ha interrotto la trattativa per la consegna della droga, in tempo perchè i tre non riuscissero a disfarsene. Sono stati arrestati e rinchiusi nel carcere di Castrogno in attesa della convalida da parte del magistrato. Indagini più approfondite vengono svolte sulle armi rinvenute per verificare se siano state usate per commettere altri reati.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter