Il Centro Politico contro la passerella della Meloni a Colleatterrato

Gli attivisti comunisti del "Santacroce" accusano la strumentalizzazione elettorale del post-sisma e rilanciano il loro "sportello casa"
22 giugno 2018

TERAMO - Insorge il Centro Politico Comunista contro la visita di Giorgia Meloni nel quartiere di Coleatterrato dove ha incontrato gli sfollati del sisma. «Ci vuole davvero la faccia come il sedere - scrivono in una nota gli attivisti del Centro - per recarsi dopo due anni in una zona gravemente colpita dal terremoto e promettere che tutto cambierà se voteranno un determinato sindaco. Fare propaganda sulla pelle di chi non ha più un tetto è non solo squallido, ma da vili».
Il Centro Politico si chiede dove fosse il presidente di Fratelli d'Italia «quando c'era da battere i pugni per ottenere soldi e risorse? Dov'era Morra quando gli sfollati protestavano? Questi piccoli politici sono gli stessi che hanno contribuito a ridurre Teramo com'è e noi del "Centro Politico Comunista Santacroce" non ci faremo prendere per il naso».
Sul tavolo, il Centro Santacroce pone fatti concreti alle false promesse, come lo "sportello casa" che «continua la sua opera di sostegno a tutti i cittadini che chiedono un aiuto anche dopo le elezioni».

Voto medio (1 voti; 1.00)
Vota:
counter