Il mistero della 'principessa triste': Charlene di Monaco scompare dalle note ufficiali, ma ci sarà sabato a Isola per la scuola Cri?

La moglie del principe Alberto non appare in pubblica da tempo, è 'scomparsa' dal suo account ma dovrebbe tagliare il nastro dell'edificio antisismico costruito dalla Croce Rossa monegasca
06 novembre 2019

TERAMO - Sarà sabato prossimo la fatidica data e Isola del Gran Sasso, il luogo, dove la principessa Charlene di Monaco, tornerà a farsi vedere in pubblico? Località e data sono quelli dell'inaugurazione della scuola primaria 'Parrozzani', ricostruita a tre anni dal sisma che l'ha resa inagibile, prima grande opera antisismica realizzata con il contributo della Croce Rossa attraverso anche la sostanziosa donazione di quella del Principato di Monaco, appunto. A scorrere i tabloid internazionali e quelli monegaschi e francesi in particolare, si sa che Charlene, ribattezzata la 'principessa triste' è scomparsa dal suo account ufficiale, nonostante venga aggiornato costantemente senza sue foto da oltre un anno. E' noto, inoltre, che la moglie del principe Alberto dosa le sue uscite ufficiali: le uniche sono state quelle al Galà della Croce Rossa, al Gran Premio di Formula Uno, al Montecarlo Tv festival, mentre ha sisertato l'incoronazione dell'imperatore giapponese Naruhito.
Si vedrà dunque a Isola del Gran Sasso, come da tutti annunciato? Forse sì o forse no, o meglio, ci sarà ma non si farà avvicinare dalla stampa. E' infatti annunciato un serrato cordone di sicurezza che non permetterà ad alcuno, se non autorizzato, di essere nella stessa area nello stesso tempo in cui ci sarà lei. Di sicuro assolutamente no i giornalisti che potranno seguire solo da lontano il taglio del nastro e la cerimonia, fissata alle 11:30 di sabato 9 novembre. Presente sui piani di sicurezza e della protezione personale della Polizia di Stato, con il trasferimento in aereo a Pescara e poi in elicottero ai piedi del Gran Sasso, è già scomparsa dalle note ufficiali con cui si annuncia un flash mob per riprodurre il simbolo del Terzo Paradiso, opera del maestro Michelangelo Pistoletto (che sarà presente all'evento), nel contesto logistico di una Cittadella della Cri, installata dal Comitato Croce Rossa di Teramo. All'indomani, sabato, si annunciano le presenze del 
Presidente Nazionale della CRI, Francesco Rocca, del Presidente Regionale CRI Abruzzo, Gabriele Perfetti, del Presidente della Regione, Marco Marsilio, del Sindaco di Isola, Roberto Di Marco e le scolaresche. Della principessa Charlene nessuna traccia. Sarò dunque una testimonial invisibile, al contrario della meritevole visibilità che dovrà avere la struttura donata anche dalla 'sua' Croce Rossa, che permetterà, su una superficie di circa 1.000 metri quadrati (per una spesa di circa un milione di euro) di ospitare 10 classi e 200 giovani studenti.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter