Il presepe più bello è della parrocchia di Colleatterrato Basso. Ma vince il "senso di comunità". FOTO VINCITORI

Con la premiazione alla Sala Episcopale si chiude l'edizione più partecipata della rassegna ideata dall'amministrazione comunale e dalla diocesi
04 gennaio 2020

TERAMO - E' quello della Parrocchia di Colleatterrato Basso (realizzato in collaborazione con il Circolo 'La Rinascita' del Movimento Cristiano Lavoratori) il presepe più bello della rassegna-concorso indetta dal Comune di Teramo per il Natale Teramano 2019. Lo ha sancito una giuria che ha avuto non poche difficoltà nella valutazione, considerata l'alta qualità delle rappresentazioni della Natività e la grande partecipazione a questa edizione, che ha contato ben 22 presepi tra quelli proposti dai comitati di quartiere, le associazioni e le parrocchie. Al punto che la classifica dei primi tre posti conta anche un secondo posto ex aequo, tra il Santuario della Madonna delle Grazie e il Comitato di frazione di Magnanella. Quarto piazzamento per la parrocchia di San Berardo che ha voluto contestualizzare la Natività sotto il simbolo del Ponte Morandi di Genova, crollato nell'estate del 2018.
Ma come hanno sottolineato tutti nel corso della premiazione alla Sala Episcopale, dal sindaco Gianguido D'Alberto, all'assessore Sara Falini, vero motore di questa iniziativa, e del vescovo di Teramo-Atri, monsignor Lorenzo Leuzzi, hanno vinto tutti i partecipanti. D'Alberto ha ricordato il grande senso di comunità che si è rafforzato attorno a questa iniziativa, che ha visto coinvolti tanti in ogni angolo della città e del suo hinterland, mentre il vescovo Lorenzo ha ribadito come l'Epifania non sia soltanto lo scambio di doni dell'evento tradizionale ma ha pregato i giovani a riflettere "sul bisogno che ha il mondo di quel bambino". L'organizzazione della manifestazione - l cui giuria era composta oltre che dall'assessore Falini anche dai consiglieri comunali Graziella CordoneEmiliano Carginari e Luca Pilotti, dall'ex assessore Guido Campana e da Gianluca Iannetti ed Ermilia Temperini - ha inteso premiare l'impegno di tutti partecipanti, assegnando anche i premi speciali.  
Quello per la migliore scenografia è andato al presepe del Comitato di frazione di Rocciano.
Premio per l'armonia: Parrocchia di Santa Maria di Cartecchio
Premio originalità: Castagneto
Premio rappresentatività territoriale: Piano della Lenta
Premio interpretazione Sacre Scritture: Nepezzano
Premio materiali utilizzati: Frondarola e Forcella
Premio innovatività: Comitato di quartiere del Castello
Premio suggestività: Comitato di quartiere Colleparco

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter