Il terremoto dell'Aquila compie dieci anni. Ferite e dolore sono sempre vivi

Il 6 aprile del 2009 il sisma distrusse e tolse la vita a 309 persone. La fiaccolata con il premier Giuseppe Conte ha ricordato quella tragedia. Oggi lutto cittadino
06 aprile 2019

L'AQUILA - "Sono passati dieci anni e abbiamo il dovere della memoria. Ci sono tante persone hanno perso i loro cari, che rivivono in questo momento una grande sofferenza. La mia presenza qui è la testimonianza che la ferita della comunità locale è una ferita della comunità nazionale". Così il premier, Giuseppe Conte, rispondendo ai giornalisti al suo arrivo alla fiaccolata per il decennale del sisma dell'Aquila del 6 aprile 2009.
Un'onda di luce disegnata dalle fiaccole per le vie dell'Aquila nella notte del decennale del sisma che alle ore 3 e 32 del 6 aprile del 2009 distrusse la città e il suo circondario causando la morte di 309 persone. In corteo non solo i familiari delle vittime del sisma, con loro anche le persone colpite da altri disastri, da Amatrice a Rigopiano, dall'Emilia a Viareggio, a San Giuliano di Puglia. Un decennale che ha riacceso i riflettori sulla città, presa d'assalto per l'anniversario dai media nazionali e internazionali.
Come ogni anno da dieci anni il silenzio si rompe solo dal rumore dei passi del lungo serpentone umano. Ad aprirlo lo striscione dei familiari delle vittime con la scritta 'Per noi, per loro e per tutti' e con un lenzuolo con i nomi dei 309 morti del sisma. "Il nostro impegno in questi dieci anni si può sintetizzare nello slogan 'cercare giustizia e trovare la legge', due principi che spesso non coincidono - spiega Antonietta Centofanti, presidente del comitato vittime della Casa dello Studente -. Il nostro stato d'animo? Ci rimbocchiamo le maniche e lottiamo, il terremoto per noi è sempre, ce lo abbiamo dentro tutti i giorni, non è ritualità una volta l'anno. La ricostruzione? Quella privata è avanti, quella degli edifici pubblici, in particolare le scuole, è ferma al palo, comunque, è stato fondamentale aver riportato i bambini in classe subito".
Oltre al profondo dolore e alla commozione per le perdite umane e per le gravi ferite non del tutto rimarginate - che raggiunge il culmine nella lettura dei nomi in piazza Duomo e nei 309 rintocchi delle campane della chiesa di Santa Maria del Suffragio, riaperta al culto il 6 dicembre scorso alla presenza del Capo dello Stato - nella commemorazione del decennale si respira voglia di riscatto e di rinascita di una città che vuole tornare più bella di prima: in questo senso, il sentimento è interpretato dalle parole del sindaco che, rispetto ai reportage troppo negativi che hanno dato all'Italia e al mondo l'immagine di "una landa desolata, popolata di disperati, folli che hanno perso la fiducia, un narrazione ingenerosa, in alcuni casi addirittura falsa", ha rivendicato, sia pure tra le difficoltà, la condizione di territorio "in rigenerazione", di "città rimarginata" che non può e non deve essere considerata "una vergogna nazionale".
La partenza del corteo alle 22,30, da via XX settembre fino a piazza Duomo intorno alla mezzanotte con la toccante sosta davanti al piazzale dove c'era la Casa dello Studente nella quale sono morti otto giovani universitari. Poi la messa nella chiesa del Suffragio celebrata dal cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo metropolita dell'Aquila e, nella notte, la veglia di preghiera 'Aspettando le 3,32', animata dalla Congregazione Salus Populi Aquilana. Ed infine alle 3e 32 l'ascolto dei 309 rintocchi in ricordo delle vittime del sisma del 2009.
Oggi all'Aquila è giorno di lutto cittadino. In tutto l'Abruzzo il dolore è sempre vivo.

 
Voto medio (2 voti; 5.00)
Vota:
counter