Insegnante pescarese scomparso da sabato dall'abitazione estiva di Pineto: ricerche anche in mare

E' scattata la macchina dei soccorsi. A denunciare la scomparsa è stata la madre quando non è rincasato. Indossa una tuta grigia
21 aprile 2019

PINETO - Un insegnante pescarese di 42 anni, Roberto Sciarra, ha fatto perdere le sue tracce da sabato, quando è uscito dalla sua abitazione estiva di Pineto. A denunciarne la scomparsa alla caserma dei carabinieri di Pineto, è stata la madre, preoccupata del mancato rientro in serata. I militari, dopo una prima ricerca effettuata nella zona tra Pineto e Roseto, svolte anche con l'ausilio di mezzi della Guardia costiera in mare, hanno allertato la Prefettura di Teramo che ha fatto scattare il Protocollo operativo per la ricerca di persone scomparse: esso prevede, come noto, l'operatività di squadre di ricerca con il coinvolgimento di tutte le forze di polizia, dell'Ufficio circondariale marittino, dei volontari della Protezione civile e dei Vigili del fuoco, che assumono il coordinamento delle ricerche. Sul posto è stato infatti inviato un mezzo mobile con funzioni di Ucl, l'unità di comando locale, cui afferiscono tutti i dati raccolti nelle ricerche.
Al momento dell'allontanamento a piedi dall'abitazione, Roberto Sciarra, indossava una tuta ginnica di colore grigio. L'insegnante è alto circa un metro e 80, ha corporatura media, con capelli castani e di lunghezza media. Non ha con sè documenti nè telefono cellulare. Secondo fonti investigative, essendo un appassionato di immersioni subacquee, potrebbe anche essersi immerso in acqua e per questo le ricerche vengono condotte anche con il contributo del Nucleo sommozzatori del comando provinciale dei vigili del fuoco.
Le autorità chiedoo massima collaborazione da parte di chiunque possa averlo incontrato, invitato a fornire informazioni ai numeri dell'emergenza pubblica (112 e 113) o presso qualsiasi altra sala operativa (115, 117 o 118). 

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter