La vita del manicomio di Porta Melatina raccontata da chi ci lavorava

Domani alla Biblioteca Delfico la proiezione del video-documentario realizzato dalla Fondazione Università di Teramo
06 dicembre 2017

TERAMO - Sarà proiettato domani, giovedì 7 dicembre, alle 17.30, nella corte interna della Biblioteca Melchiorre Delfico di Teramo il video documentario "Questi soltanto i pochi, forse neppure i veri", realizzato dalla Fondazione Università degli Studi di Teramo.
Alla presentazione – coordinata da Annacarla Valeriano ‒ parteciperanno il presidente della Fondazione Università degli Studi di Teramo Francesco Benigno, il presidente della Fondazione Tercas Enrica Salvatore, il direttore del Dipartimento di Salute Mentale della Asl di Teramo, Nicola Serroni, lo psichiatra Francesco Saverio Moschetta.
«Il documentario – si legge nella presentazione ‒ racconta le vicende dell’ex ospedale psichiatrico Sant’Antonio Abate di Teramo, aperto nel 1881 e chiuso il 30 marzo 1998. A riannodare i fili della memoria sono i testimoni – medici, infermieri, assistenti sociali – che, a partire dal secondo dopoguerra, hanno vissuto la realtà chiusa del manicomio e hanno costruito insieme la storia di un’esperienza collettiva. La narrazione si snoda attraverso le loro voci e i loro ricordi, che restituiscono spessore e significato ai cambiamenti intervenuti nel corso degli anni Sessanta e dopo la legge 180 e rievocano gli avvenimenti che hanno consentito di chiudere il manicomio e far ritrovare una prospettiva a chi non aveva più futuro».
Il documentario è stato realizzato con il contributo della Fondazione Tercas, valorizzando proprio le testimonianze raccolte da Annacarla Valeriano nell’ambito del progetto “Voci dal Manicomio”, avviato nel dicembre 2014 dall’Archivio della Memoria della Fondazione Università degli Studi di Teramo. Da allora e fino a oggi sono state raccolte – sotto forma di video e audio interviste ‒ circa 29 ore di testimonianze audiovisive inedite che raccontano la storia di una delle più importanti istituzioni del territorio, divenuta parte integrante dell’identità culturale della regione.
«Queste memorie – dichiara Annacarla Valeriano, responsabile dell’Archivio della Memoria ‒ se non fossero state recuperate, sarebbero andate disperse. Oggi, invece, sono state catalogate, digitalizzate e conservate. La valorizzazione della memoria degli ex ospedali psichiatrici è stata avviata in tempi relativamente recenti e con questo progetto anche Teramo si inserisce a pieno titolo in un percorso scientifico nazionale inaugurato dal Ministero dei Beni Culturali. Nei prossimi mesi ‒ conclude ‒ contiamo di ampliare ulteriormente il patrimonio documentario e di rendere consultabili on line le testimonianze raccolte».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...