Lavori mai partiti, il Comune butta 551mila euro per la 'Febbo'. D'Alberto: «Chi si dimette adesso?»

Dalla Regione la comunicazione che il finanziamento è decaduto. La ex scuola di San Nicolò è in completo abbandono
10 ottobre 2017

TERAMO - Il mancato avvio, entro il 2013, dei lavori di ristrutturazione di uno dei simboli dell’istruzione sannicolese, la scuola Carlo Febbo, ha fatto perdere all’amministrazione comunale il finanziamento di oltre mezzo milione di euro. Lo hanno reso noto i consiglieri comunali di opposizione Gianguido D’Alberto e Antonio Filipponi, che riportano la comunicazione degli uffici della regione Abruzzo al Comune, a conferma di timori e critiche ripetuti negli anni ma rimasti sempre inascoltati. «L’amministrazione ha fatto decadere un finanziamento - dicono - per non aver a tutt’oggi validato un progetto esecutivo, con un colpevole ritardo giustificato risibilmente con le problematiche connesse al recente sisma»
. D’Alberto e Filipponi si chiedono chi si assumerà la responsabilità politica e amministrativa, se qualcuno si dimetterà o come si intenderà riparare alla perdita del finanziamento di 551mila euro e, soprattutto, con quale denaro si faranno i lavori.
«L’ennesima figuraccia del centrodestra - sottolineano i consiglieri - dimostra l’assoluta incuranza verso un edificio che potrebbe invece costituire una fondamentale occasione di sviluppo e rilancio per la comunità della frazione più popolosa del nostro territorio a cui questa Giunta dovrebbe ora solo chiedere umilmente scusa, considerata anche la vergognosa situazione in cui versano la struttura e l’area limitrofa, in uno stato di abbandono, a costituire un serio allarme igienico-sanitario».
«L’amministrazione - concludono D’Alberto e Filipponi -conferma ancora una volta l’inadempienza di questa giunta nei confronti della frazione più popolosa, così come tutte le zone frazionali e periferiche del nostro territorio sono state ormai da tempo abbandonate al loro destino e concepite dal centrodestra teramano esclusivamente come terreno di conquista clientelare nel periodo della campagna elettorale».

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
  • Mauro
    Scritto il 10 ottobre 2017 alle ore 15:39:00
    Anche lungo Viale Europa c’è una ex-scuola abbandonata a se stessa dall’amministrazione comunale che per anni è stata sede del comitato di quartiere di Colleatterrato-Villa Pavone e seggio elettorale. Il 4 Dicembre del 2016 i cittadini del quartiere succitato si son dovuti recare alla Scuola Primaria “De Jacobis” nel quartiere Gammarana per andare a votare per il Referendum. La manutenzione dell’edificio è stata fatta a spese dei comitati che si sono succeduti negli ultimi vent’anni.
Ultimi commenti
Loading...