Nessun programma per via Longo: i sindacati minacciano la revoca dell'accordo

Si riapre la polemica con il Comune e l'Ater
08 aprile 2014

TERAMO - "Sono trascorsi sei mesi dalla firma del Protocollo e non ci è stato consegnato alcun documento sull’attuazione del progetto per Via Longo: allo stato sembra essere un 'progetto fantasma'”. A Teramo il tema dell’edilizia pubblica scalda la campagna elettorale fino a far minacciare i sindacati di ritirare l’adesione all’accordo con il Comune e l’Ater. La dichiarazione di condanna è di SICET, SUNIA e UNIAT, che aggiungono:”nessuna informazione è stata fornita alle organizzazioni sindacali circa la definizione, i contenuti e i tempi del progetto di intervento sull’area di via Longo, nonostante il preciso impegno assunto con il Protocollo di intesa; ATER e Comune non hanno presentato il programma degli investimenti e per la gestione del patrimonio abitativo pubblico, che - sulla base dell’intesa - doveva essere consegnato alle Organizzazioni entro il 30 novembre 2013 per farne oggetto di uno specifico tavolo di concertazione”. L’occasione della scoperta del nulla di fatto nasce dal   punto sullo stato di attuazione del Protocollo di Intesa stipulato con il Comune di Teramo e con l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale (ATER), relativo all’intervento di riqualificazione dell’area di Via Longo e, più in generale, alla programmazione e alla gestione dell’edilizia pubblica nel Comune capoluogo, verifica che ha fatto emergere che, a parte la costituzione della prevista Commissione per le procedure riguardanti l’assegnazione di nuovi alloggi agli attuali assegnatari di Via Longo, i punti più significativi dell’intesa sono inattuati. Le tre organizzazioni sindacali degli inquilini sono molto decisi:”   Dopo aver dato un’ampia disponibilità al confronto e alla collaborazione costruttiva, le Organizzazioni sindacali esigono a questo punto il rispetto degli impegni, nell’interesse degli assegnatari degli alloggi di Via Longo e di tutti i cittadini teramani che vivono una condizione di emergenza abitativa. SICET, SUNIA ed UNIAT chiedono al Sindaco di Teramo l’immediata convocazione di un incontro per dare attuazione ai richiamati punti dell’Intesa. Se non ci saranno tempestivi riscontri, le Organizzazioni si riservano di revocare la propria adesione al Protocollo”.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter