'Mazzini' in lutto per la morte dell'infermiera Silvia e del compagno tra le rapide a Caramanico

La tragedia nella gita del Primo Maggio: lavorava nel reparto di pneumologia la mamma 32enne
02 maggio 2017

TERAMO - Ha suscitato grande cordoglio e commozione, all'ospedale Mazzini di Teramo, la notizia della morte di Silvia D'Ercole, la mamma 32enne precipitata assieme al compagno Giuseppe Pirocchi, nelle rapide del fiume Orta, a Caramanico Terme. La coppia era in gita con altri famigliari e si sarebbe avvicinata troppo alle spettacolari rapide, in una zona interdetta, è scivolata in acqua. Smentita la versione, secondo la quale i due si fossero avvicinati troppo al baratro perchè volevano scattare un selfie. Silvia D'Ercole, nativa di Roma ma residente con il marito a Scerni di Chieti, era infermiera nel reparto di malattie dell'apparato respiratorio diretto dal dottor Luigi Di Re. In ospedale la conoscevano in tanti e non solo i colleghi di lavoro, che l'apprezzavano per disponibilità a una grande dose di umanità, soprattutto verso gli assistiti. Una tragedia che ha lasciato tutti attoniti e che porta il pensiero alla famiglia distrutta e ai due bimbi di 5 e 8 anni, adesso orfani.

LA TRAGEDIA IERI A CARAMANICO. I coniugi volevano probabilmente fotografare più da vicino le rapide. La tragedia nell'arco di pochi secondi. La pietra liscia, bagnata e scivolosa, ha prima fatto cadere Silvia. Quindi Giuseppe Pirocchi, nel tentativo di salvarla. Le rapide hanno inghiottito entrambi. Dopo l'allarme si sono mobilitati immediatamente 118, Vigili del fuoco e carabinieri. Le operazioni di recupero si sono concluse alle 21. Le salme sono state trasferite all’obitorio dell'ospedale di Chieti. In mattinata è attesa la ricognizione cadaverica che servirà a stabilire le cause della morte. Poi il magistrato di turno, Valentina D'Agostino del Tribunale di Pescara, deciderà se disporre ulteriori accertamenti prima di restituire le salme alla famiglia. I Carabinieri della compagnia di Popoli e i Forestali stanno raccogliendo testimonianze per ricostruire la dinamica dell'incidente, avvenuto nella Valle dei Luchi, una zona molto suggestiva del fiume Orta caratterizzata da canyon e vere e proprie rapide, lontana dai sentieri, dove le pietre in alcuni tratti possono essere molto scivolose.

LO ZIO: «NESSUN SELFIE, SONO SCIVOLATI SU UN CAMMINAMENTO». «Non stavano facendo nessun selfie quando è accaduta la disgrazia». Così Donato D'Ercole, zio di Silvia, la donna che il primo maggio, nel corso di un'escursione, ha perso la vita nel fiume Orta, nel Pescarese. Secondo il racconto riferito dallo zio, raggiunto telefonicamente mentre si trovava nella camera mortuaria dell'ospedale di Chieti, la nipote sarebbe caduta nel fiume dopo essere scivolata sulla melma. D'Ercole ha appreso della dinamica dell'incidente dalle altre due nipoti, le sorelle di Silvia, Angela e Daniela, in escursione con la coppia e i figli di quest'ultima. Il compagno, di Silvia, sempre come riferito dallo zio della donna, Giuseppe Pirocchi, mentre cercava di salvarla è finito anch'egli inghiottito dalle rapide.

I FUNERALI DOMANI CON IL LUTTO CITTADINO. Il sindaco di Scerni, Alfonso Ottaviano, paese di provenienza di Silvia e Giuseppe, ha proclamato per domani il lutto cittadino durante la celebrazione dei funerali, a Scerni, nella chiesa di San Giacomo alle ore 16.30 officiati dal parroco don Graziano Fabiani. Su Facebook, il Comune di Scerni ha aggiornato la sua immagine del profilo istituzionale con la bandiera italiana listata a lutto. Il sindaco Ottaviano parla di "tragica fatalità" ed evidenzia "il dolore di tutto il paese per due bambini che in un attimo sono rimasti senza genitori. Pur avendo alle spalle una solida famiglia non saranno lasciati soli". Alla camera mortuaria dell'ospedale di Chieti, dove sono stato portati i corpi, in tanti oggi, tra parenti e amici, hanno testimoniato vicinanza e dolore.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Loading...