Ospedale: chiuso il multipiano, è caos parcheggi. Abbonati e utenti in rivolta / FOTO

La Parking mantiene la promessa, Intero quartiere soffocato dalle macchine. Domani interviene il prefetto
20 febbraio 2014

TERAMO - Alle 7 di queta mattina è scoppiato il caos parcheggi all'ospedale civile di Teramo. La chiusura forzata decisa dalla Parking Piazza Italia spa del multipiano, nel contenzioso con la Asl, ha dirottato sulla zona circostante al nosocomio cittadino una marea di macchine, con gli automobilisti che hanno invaso ogni angolo possibile e immaginabile per lasciare la propria autovettura. alle 7.30 il direttore generale della Asl, Paolo Rolleri, era sul posto per verificare di persona la situazione che si è rivelata drammatica: il comando dei vigili urbani ha inviato rinforzi, le società di servizio della Asl ha messo in campo il proprio personale per gestire la viabilità ed evitare che le vie di fuga del servizio di emergenza, l'accesso al pronto soccorso e all'elisuperficie restassero liberi da ingorghi. La situazione si è normalizzata intorno alle 9.30 ma per la tarda mattina è prevista un'altra ondata di auto in coincidenza con gli ingressi ai reparti. Le file di auto hanno riempito entrambi i lati di via San Marino, via Flajani, viale della Resistenza, i parcheggi a raso dell'hospice, a est dell'elisuperficie e sul fronte di piazzale Italia sono stracolmi. La Asl ha riaperto in emergenza un'area di sosta nei presi della centrale termica, quella di recente chiusa ai dipendenti con tanto di circolare interna, perchè a rischio incendio data la presenza di depositi di carburante, bombole di ossigeno e altro materiale tecnologico infiammabile o a rischio esplosione. Ovviamente è scoppiata la rivolta, non solo degli automobilisti ma anche del personale dipendente. Tra tutti c'è infatti chi ha acquistato abbonamenti per il parcheggio a pagamento, venduti fino all'altroieri, nonostante la società sapesse che avrebbe chiuso il parcheggio da oggi: c'è chi annuncia azioni legali per danni, avendo trovato le sbarre chiuse nonostante il possesso di ticket prepagati. La vicenda adesso ha assunto i contorni di un muro contro muro, che ha irrigidito entrambe le parti in causa. Il prefetto Valter Crudo proverà domattina, alle 10.30, a mediare tra i contendenti, anche se una soluzione, soprattutto sotto il profilo amministrativo, sembra difficile da individuare. Il direttore generale Paolo Rolleri dice che affronterà l'argomento domattina nel tavolo convocato dal prefetto «ma la chiusura ci ha colto di sorpresa perchè - ha detto il dg Asl - ieri avevamo messo la Parking nella condizione di aprire, con una lettera concordata tra i consulenti legali delle due parti. Io non entro nel merito della vicenda, lo faranno altri per noi. E' ovvio che quella stuttura o apre o rientra in nostro possesso». 

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter