Pittrice uccisa: il figlio trasferito al carcere di Lanciano "per motivi di sicurezza"

Il provvedimento coperto dal massimo riserbo dalla Procura. E' stato eseguito nella serata di ieri
13 aprile 2018

TERAMO - Simone Santoleri, in carcere dallo scorso 6 marzo insieme al padre Giuseppe per l'omicidio della madre, la pittrice Renata Rapposelli., è stato trasferito dal penitenziario di Castrogno a quello di Lanciano. Un trasferimento che sarebbe stato giustificato da "motivi di sicurezza", sui quali la Procura mantiene il massimo riserbo. Una circostanza confermata dai legali dell'uomo, con il trasferimento arrivato ieri sera. Intanto, per il 19 aprile, è stata fissata l'udienza al tribunale del Riesame di L'Aquila in cui si discuterà il ricorso presentato dagli avvocati dei due uomini per chiederne la scarcerazione. 

Padre e figlio sono detenuti in carcere con l'accusa di omicidio volontario aggravato e sottrazione di cadavere per la scomparsa e la morte della pittrice teatina Renata Rapposelli, il cui corpo senza vita venne ritrovato il 12 novembre sulla riva del fiume Chienti. Secondo l'accusa la donna fu uccisa il 9 ottobre a Giulianova.

Voto medio (0 voti; 0)
Vota:
counter
Commenti

« Lascia il tuo commento »

I tuoi commenti sono i benvenuti se seguirai le semplici indicazioni riportate qui sotto.
  • I commenti devono riguardare solo informazioni presenti nelle notizie
  • Non inserire commenti per conto di terzi, per sentito dire o altro: i commenti devono essere frutto della tua personale esperienza
  • Non usare parole e termini offensivi, anche se hai un giudizio negativo in merito all'argomento trattato
  • Non utilizzare questo spazio per fare pubblicità, di qualunque tipo
  • Segui le indicazioni di base della netiquette, come ad es. non scrivere tutto in caratteri maiuscoli
I commenti inseriti devono corrispondere a verità ed essere espressi in modo dettagliato e comprensibile.
Per ogni commento il sistema provvederà a salvare il tuo indirizzo IP e l'ora in cui è stato inserito il commento ai fini di perseguire legalmente tutti quei commenti che non rispetteranno le regole sopra elencate.
Ricorda che ci riserviamo di eliminare senza alcun preavviso tutti i commenti da noi ritenuti offensivi o non rispettosi delle precedenti indicazioni.
Emmelle.it non è responsabile dei commenti scritti dagli utenti.
Grazie per la collaborazione.
La Redazione di emmelle.it
Dichiaro che il commento da me inserito corrisponde a verità,
e rispetta tutte le indicazioni riportate nella guida di compilazione.
Dichiaro inoltre di aver letto l'informativa sulla privacy e di liberare
Emmelle TV Srls Unipersonale da qualsivoglia responsabilità
relativamente al contenuto del commento da me inserito.

 
Attiva la notifica per essere aggiornato via email sui nuovi commenti all'articolo
Ultimi commenti
Loading...